25. 11. 2017 Ultimo Aggiornamento 24. 11. 2017

Enti di ricerca, ecco il piano di riparto del Fondo ordinario 2017: chi sale e chi scende

Categoria: Temi di discussione

Il Miur ha trasmesso nei giorni scorsi alla Camera dei Deputati lo Schema di decreto ministeriale per il riparto del Fondo ordinario (Foe) per gli enti e le istituzioni di ricerca per l'anno 2017.

Complessivamente, si tratta di 1.580.380.199 euro, di poco superiore allo stanziamento del 2016, che era stato di 1.572.402.584 euro. La tabella mette a confronto gli stanziamenti per i singoli enti vigilati dal Miur nel 2016 e quelli che verranno erogati nel corrente anno:

fondi EPR 2017a

A piazzale Aldo Moro, sede del Cnr, entreranno quasi 7,3 milioni in più (+1,3%), mentre l’Agenzia spaziale italiana subisce una decurtazione di quasi 2 milioni di euro (-0,4%).

L’Ingv beneficia di 2,4 milioni in più, ma occorre precisare che la quota di Foe 2017 dell’ente di via di Vigna Murata è comprensiva della somma di 6 milioni che è la parte dello stanziamento previsto dal decreto legge 104/2013, per far fronte all’assunzione di 200 unità di personale nel quinquennio 2014-2018. Nel 2016, la “rata” di tale stanziamento finalizzato era stata di 4 milioni.

A perdere quasi 1,5 milioni di euro è la Stazione Zoologica Anton Dohrn (-9,9%) e un taglio di circa 370 mila euro penalizza (-1,6%) anche il Consorzio per l’area di ricerca scientifica e tecnologica di Trieste (Science Park) .

In conclusione, possiamo dire che i tanti roboanti proclami governativi sulla assoluta priorità che nel nostro Paese deve rivestire la ricerca, si sono tradotti in un incremento del Foe di appena 8 milioni di euro, vale a dire poco più dello 0,5% rispetto allo stanziamento del 2016.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più