19. 08. 2017 Ultimo Aggiornamento 17. 08. 2017

Due medici italiani, tra i massimi esperti del tumore dello stomaco, al congresso internazionale di Pechino

Categoria: Temi di discussione

Anche quest’anno, i dottori Luca Saragoni e Paolo Morgagni, appartenenti alle Unità Operative di Anatomia patologica e Chirurgia dell’ospedale di Forlì, hanno partecipato al 12th International Gastric Cancer Congress, che si è tenuto a Pechino dal 20 al 23 aprile 2017.

I due medici italiani, invitati dagli organizzatori del congresso - che ha visto la partecipazione dei massimi esperti internazionali in tema di tumore dello stomaco provenienti da 41 paesi, sono da tempo inseriti nel comitato - scientifico internazionale della International Gastric Cancer Association.

La loro partecipazione è avvenuta non solo in veste di relatori, ma anche di coordinatori di lavori multidisciplinari realizzati dall’Ausl Romagna e dall’IRST – IRCCS di Meldola, presentando a specialisti di tutto il mondo, la propria esperienza scientifica, frutto di anni di lavoro multidisciplinare e di relazioni con i principali istituti di ricerca mondiali, spesso invitati anche a partecipare a congressi presso il centro Universitario di Bertinoro.

“Le relazioni che ci sono state richieste – spiegano i due medici - hanno riguardato la diagnosi ed il trattamento della neoplasia allo stadio precoce, che vedono Forlì e la Romagna tra i più attivi centri occidentali, mentre altre ricerche, da noi presentate, hanno riguardato la diagnosi endoscopica, radiologica e patologica ed il trattamento multidisciplinare, effettuato regolarmente presso le nostre strutture”

In particolare, il dottor Saragoni ha esposto i risultati dello studio italiano condotto su 1.074 pazienti affetti da Early Gastric Cancer, dimostrando come, anche questo tipo di tumore, generalmente a buona prognosi, nasconda spesso sottotipi con caratteristiche del tutto simili a quelle dei tumori avanzati a prognosi infausta. Il dottor Morgagni, invece, ha presentato alcune indicazioni ai trattamenti diversificati e più appropriati in rapporto allo stadio tumorale.

Il gruppo italiano di ricerca sul cancro gastrico (GIRCG), di cui il Saragoni e Morgagni sono tra i fondatori, ha contribuito al buon esito del convegno, portando ben 31 contributi scientifici.

In ambito congressuale sono stati inoltre definiti protocolli di ricerca internazionali per i quali, i due specialisti italiani, parteciperanno in qualità di esperti.

“La partecipazione italiana – concludono i due ricercatori - è stata molto apprezzata e ci ha permesso di creare ulteriori contatti con colleghi orientali ed europei, davvero entusiasti di partecipare alle iniziative scientifiche che potremo organizzare presso la nostra Ausl della Romagna, in un prossimo futuro.”

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più