17. 09. 2019 Ultimo Aggiornamento 10. 09. 2019

L’ultima trovata, il ricercatore-diplomatico

Categoria: Temi di discussione

Redazione

Sta per nascere un nuovo ente pubblico di ricerca: l’Icranet. In un sol colpo si sfatano due inveterati luoghi comuni: l’insensibilità del legislatore verso la ricerca e la condizione quasi di "bohemien" dei ricercatori, solitamente mal pagati e a corto di risorse per le loro attività.

Per l’Icranet, invece, le cose sono state fatte in grande: fondi a "go go" e uno "status" da diplomatici per i ricercatori, garantiti da una sequela di incomprensibili privilegi, che si estendono persino ai familiari.

Storicamente solo gli imperatori romani hanno avuto di più.

Se così è stato deciso dal voto unanime del Parlamento italiano, una volta tanto concorde senza distinzione alcuna tra maggioranza e opposizione, una ragione pure ci sarà.

Siamo curiosi di conoscerla anche perché la disciplina speciale, eccezionale e derogatoria riservata all’Icranet,  oltre a lasciare basiti, suscita legittime aspettative da parte del personale (e familiari) di tutti gli altri enti pubblici di ricerca che "rebus sic stantibus" risultano ingiustificatamente discriminati.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

banner iscriviti sindacato

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più