26. 04. 2017 Ultimo Aggiornamento 21. 04. 2017

Dopo innumerevoli crac e dissesti, Bankitalia ancora insiste sulle concentrazioni bancarie

L’arroganza, la supponenza e l’assenza di autocritica da parte degli oligarchi di Bankitalia, è fotografata dalle dichiarazioni di Carmelo Barbagallo, capo dipartimento della vigilanza bancaria e finanziaria, secondo cui, per le banche italiane: "è necessario proseguire nel processo di concentrazione, attraverso operazioni di aggregazione mirate, condotte secondo logiche di convenienza industriale".

Leggi Tutto

Telefonia: per una volta, l’Agcom tutela i consumatori

Per una volta sacrosanta, e a favore dei consumatori, è una delibera dell'Agcom che ha imposto il ritorno alla cadenza mensile per i servizi di telefonia fissa, voce e Internet, bocciando così l’ennesima furbata delle compagnie di estendere la fatturazione a 28 giorni, con un aumento surrettizio delle tariffe dell’8,6%, col risultato di portare il prezzo comunicato dagli operatori per gli abbonamenti a Internet (e voce) di casa, non più riferibile ad un mese ma a 4 settimane, col risultato di allungare l’anno a 13 mesi anziché 12.

Leggi Tutto

Prima condanna per la Popolare di Vicenza: non informò sulla illiquidità delle azioni

Con sentenza depositata n.687 del 25 marzo 2017, il Tribunale di Verona, accogliendo la domanda, dopo aver ritenuto che la Banca Popolare di Vicenza non avesse adeguatamente informato la cliente della illiquidità delle azioni e del fatto che il prodotto non fosse appropriato, ha riconosciuto il diritto al risarcimento del danno, pari alla integrale restituzione del capitale investito (39.638,05), oltre agli interessi legali e alla rivalutazione monetaria: "sulle somme di euro 30.051,25 e su quella di Euro 9.586,80 dalle date, rispettivamente, del 23 ottobre 2009 e del 7 ottobre 2010 a quella di pubblicazione della presente sentenza, oltre agli interessi sulle somme predette dalla data di pubblicazione della presente sentenza a quella del saldo effettivo; condanna altresì la convenuta a rifondere all'attrice le spese del presente giudizio ...”.

Leggi Tutto

Flat tax, altro schiaffo alle famiglie disagiate e ai contribuenti onesti

La flat tax (in italiano, tassa piatta, uniforme o forfettaria) - ideata per la prima volta nel 1956 dall'economista statunitense Milton Friedman, ripresa nel 1985 da Alvin Rabushka, come un sistema tributario basato su di un’unica aliquota fissa, che trova applicazione sia ai redditi societari che a quelli maturati in capo alle persone fisiche, a misura di ricchi e stranieri - è l’ennesima violazione dei diritti sociali da parte di Governi non eletti, per scardinare la progressività dell’imposizione sancita dalla Costituzione che, all’art. 53, espressamente recita: “tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva”, ossia chi più ha, più deve pagare.

Leggi Tutto

Boom dei giochi d’azzardo. Lo Stato biscazziere festeggia l’aumento delle entrate

Lo Stato biscazziere festeggia il boom degli introiti dal settore dei giochi, che ha registrato nel 2016, come si legge nel Bollettino annuale delle Entrate, una crescita "molto sostenuta", pari al 22,3% (+ 2.654 milioni di euro), incurante dei gravissimi danni e degli elevati costi sociali della ‘tossicodipendenza’ da gioco, quella malattia denominata ‘ludopatia’, che interessa circa un milione della popolazione afflitta dalla malattia patologica del gioco d'azzardo.

Leggi Tutto

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più