Categoria: Altri Enti

Redazione

L’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) non è solo (quasi) tutto precariato (vedere Il Foglietto della scorsa settimana), ma è  anche decisamente misogino.

Gli organismi di comando: presidente, direttore generale, direttore scientifico, consiglio (15 membri su15) e persino il comitato esecutivo (5 su 5) sono tutti di sesso maschile.

Non risulta che Mara Carfagna, zelante ministro delle pari opportunità, abbia rilevato l’anomalia.

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più