30. 05. 2020 Ultimo Aggiornamento 29. 05. 2020

Infn, alla firma importanti accordi integrativi sia per ricercatori e tecnologi che per tecnici e amministrativi

Comunicato Usi/RdB

E' fissata per venerdì prossimo, 5 novembre, la firma di alcuni importanti accordi presso l'Istituto nazionale di fisica nucleare (Infn).

Innanzitutto, l'ipotesi di accordo di contratto collettivo nazionale integrativo su "Utilizzazione del fondo per il trattamento accessorio, per l'anno 2010, per il personale dei livelli IV-VIII".

Poi, l'ipotesi di contratto integrativo "Criteri per l'attuazione dell'art. 8 del ccnl 2002-2005, secondo biennio economico 2004-2005: riduzione dei tempi di permanenza per il pasaggio di fascia stipendiale all'interno dei tre livelli di ricercatore e di tecnologo".

Al terzo posto, il Protocollo d'intesa sull'applicazione, per l'anno 2010, dell'art. 19 del ccnl 2002-2005 (Attività per prestazioni a committenti esterni).

Per finire, l'annoso problema dei regolamenti per l'erogazione dei benefici assistenziali.

Per quanto concerne l'accordo sul salario accessorio, la proposta che l'Infn porterà al tavolo per la firma dovrebbe prevedere l'incremento di 120 mila euro derivanti dai risparmi di finanziamenti esterni (ex art. 19 ccnl); la riduzione di straordinari e turni, con un risparmio totale di circa 60mila euro; l'aumento di 30mila euro di indennità di responsabilità già assegnate, più 60 mila, al fine di risolvere il contenzioso di due anni arretrati per le medesime posizioni; l'incremento dei risparmi Ria per 180 mila euro rispetto al 2009.

Tali incrementi permetterebbero, tra l'altro, di finanziare le procedure ex art. 53 (progressioni di livello), garantendo la copertura di tutte le posizioni.

Inaf, Maccacaro “licenzia” Cortiglioni per aver scritto una lettera al Foglietto

di Adriana Spera

Dopo quarant’anni di attività di ricerca, dapprima al Cnr e dal 1° gennaio 2005 alle dipendenze dell’Inaf, tutto si sarebbe potuto aspettare Stefano Cortiglioni fuorché quello di essere letteralmente sbattuto fuori dall’Istituto di astrofisica spaziale e fisica cosmica (Iasf) di Bologna, al quale era legato da un regolare atto di associatura, sottoscritto all’indomani del suo collocamento in quiescenza avvenuto il 17 giugno del 2009.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

banner iscriviti sindacato

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più