Categoria: Cnr

di Ivan Duca

Si é svolto nella giornata di ieri il primo dei due incontri promossi dal presidente del Cnr volto ad avviare un confronto interno all'ente per trarre suggerimenti per l'elaborazione del nuovo statuto e del nuovo regolamento, richiesti dalla legge di riordino degli enti di ricerca vigilati dal Miur.

Numerosi ricercatori, tecnologi e tecnici hanno risposto all'appello, facendo registrare il tutto esaurito nell'Aula convegni di piazzale Aldo Moro. Dagli interventi sono emerse critiche e contestazioni all'attuale gestione dell'ente.

E' stato rilevato il forte scollamento tra gli operatori della ricerca ed i vertici del Cnr, che coinvolge le direzioni degli istituti, i dipartimenti, la dirigenza centrale e il consiglio d'amministrazione. E'
apparsa condivisa la necessità di rimodulare il ruolo dei dipartimenti da meccanismo concentratore di potere/zavorra per la rete scientifica a fattore collante ed amplificatore delle attività degli Istituti.

E' stata sollevata con forza la necessità di una seria valutazione delle direzioni di dipartimento e di istituto, attività attualmente assente nell'ente.

Il personale ha poi chiesto di poter eleggere all'interno del cda un proprio rappresentante, quale "espressione delle comunità scientifica di riferimento". Una richiesta che non è sembrata entusiasmare Luciano Maiani.

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più