24. 05. 2019 Ultimo Aggiornamento 21. 05. 2019

Assolto con formula piena Giuseppe Ambrosio, già direttore generale del Cra

Categoria: Crea

La legge è uguale per tuttiAssolti perché il fatto non sussiste. Il Tribunale di Roma, il 15 aprile scorso, ha fatto cadere tutte le accuse a carico di imprenditori ed ex funzionari del ministero delle Politiche agricole.

Tra di essi Giuseppe Ambrosio, già capo di gabinetto del ministero ai tempi di Luca Zaia e Giancarlo Galan e direttore generale del Cra in carica l’11 dicembre del 2012, quando la Procura di Roma ordinò l’arresto di 11 persone, tra le quali lo stesso Ambrosio, per un presunto giro di corruzione legato ad alcuni appalti del ministero delle Politiche agricole.

Il pm aveva chiesto condanne da 3 a 9 anni di reclusione per gli imputati che il Tribunale, dopo 4 ore di camera di consiglio, ha invece assolto con formula piena. Nell’inchiesta erano finiti 37 indagati, 7 di questi sono giunti a processo con rito immediato, dopo aver passato 4 mesi in carcere.

«Il Tribunale ha riconosciuto la linearità del nostro comportamento e che abbiamo servito con diligenza e onestà lo Stato. È stata così restituita dignità e onorabilità alla mia famiglia, ma anche, a mio parere, all'istituzione per cui lavoro, il Ministero delle politiche agricole». Questa la dichiarazione di Giuseppe Ambrosio - riportata dall’Informatore Agrario - subito dopo la lettura della sentenza di assoluzione.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

banner iscriviti sindacato

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più