17. 08. 2017 Ultimo Aggiornamento 15. 08. 2017

L’Ingv cerca al proprio interno un dottore di ricerca per lo studio di faglie attive

Categoria: Ingv

Da un avviso diffuso all’interno dell’Ingv nella giornata di ieri, si è appreso che la Sezione Roma I ha indetto una procedura di ricognizione tra il proprio personale per l’affidamento di attività di ricerca su tematiche legate allo studio di faglie attive, per la durata di 12 mesi e senza alcun compenso aggiuntivo a quello già percepito.

Tra i requisiti richiesti, oltre alla buona conoscenza della lingua inglese scritta e parlata, dottorato di ricerca in geofisica, scienze della terra o equivalenti, autonomia nello studio e caratterizzazione di faglie attive e nello studio della pericolosità da fagliazione superficiale.

Inoltre, è richiesta esperienza nell’acquisizione di dati geologi, geomorfologici e geofisici per l’identificazione e la caratterizzazione di faglie attive; esperienza nell’acquisizione ed elaborazione di dati di topografia ad alta risoluzione; capacità di gestione di database Gis e Web-Gis per l’organizzazione, analisi e disseminazione di dati geologici, geomorfologici e geofisici; esperienza di attività in emergenza sismica.

I dipendenti Ingv interessati alla call hanno 6 giorni di tempo, a partire da ieri, per proporre eventuale candidatura.

Nel caso in cui la ricerca all'interno dell'ente andasse deserta, l’ente avvierà una selezione esterna, previo accertamento della necessaria disponibilità finanziaria.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più