27. 11. 2021 Ultimo Aggiornamento 24. 11. 2021

Progressioni di livello all'Istat: altra fumata grigia

Categoria: Vari

Comunicato Usi/RdB

Il presidente Giovannini era stato perentorio nel corso dell'ultimo incontro con la delegazione di Usi/RdB, quando aveva affermato che il Consiglio dell'Istituto del 30 giugno si sarebbe definitivamente pronunciato sul provvedimento riguardante le progresisoni di livello (ex art. 54) di tecnici e amministrativi, in parte con scorrimento di pregresse graduatorie, in parte con  nuove selezioni.

Ancora una volta, però, il Consiglio ha scelto la via del rinvio (all'8 luglio prossimo), avendo necessità di acquisire, a seguito dei rilievi mossi dai revisori dei conti, un ulteriore parere da parte del Comitato di settore (organismo composto dai presidenti di tutti gi enti di ricerca), che chiarisca le modalità con le quali gli enti del comparto sino a oggi hanno dato applicazione all'art. 54.

Trattasi, ad avviso di Usi/RdB, di una richiesta priva di pregio, in quanto la decisione dell'Istat e di alcune sigle sindacali (Usi/RdB, in testa) assunta con l'ipotesi di accordo dell'8 aprile scorso, risulta assolutamente rispettosa delle norme di legge e regolamentari in materia.

Quale possa essere l'utilità del parere del Comitato di settore appare davvero difficile da comprendere.

Una cosa è, comunque, certa: l'insufficiente attività degli organi di vertice e di gestione dell'Istituto (presidenza e direzione generale) in difesa del più legittimo dei provvedimenti.

E' auspicabile che tale carenza venga presto superata da parte del predetti organi attraverso una puntuale esposizione del fatto e del diritto dinanzi al citato Comitato di settore che, alla fine, non potrà che confermare la bontà della decisione assunta dall'amministrazione in sede di sottoscrizione dell'ipotesi di accordo.

 

 


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più