28. 09. 2020 Ultimo Aggiornamento 27. 09. 2020

Albergatore non versa la tassa di soggiorno riscossa: non è più reato, grazie al "Decreto Rilancio"

Categoria: Il Foglietto

Fino ad ora, l’albergatore o il responsabile della struttura ricettiva che incassava, per conto del Comune, la tassa di soggiorno a carico del cliente, omettendo di versarla in tutto o in parte allo stesso Comune, commetteva il reato di peculato (art. 314 c.p.).

Per la Cassazione, infatti, l’albergatore, cui la legge demandava il compito di riscossore per conto dell’ente locale, rivestiva la qualifica di incaricato di pubblico servizio.

Con l’entrata in vigore della legge 17 luglio 2020 n. 77, di conversione del decreto-legge 19 maggio 2020 n. 34 (c.d. Decreto Rilancio), il governo, prima, e il Parlamento, dopo, hanno, col comma 3 dell’Art.180 (Ristoro ai Comuni per la riduzione di gettito dell'imposta di soggiorno e altre disposizioni in materia) privato la condotta omissiva di ogni rilevanza penale, riconducendo il tutto nell'alveo di una sanzione amministrativa.

Il Decreto Rilancio, infatti, ha retrocesso il riscossore da "agente contabile" a semplice “responsabile del pagamento".

Un provvedimento che, lungi dall’essere finalizzato al contrasto dell’evasione fiscale, causa di tanti mali che affliggono il paese, farà felici molti, soprattutto coloro che hanno in corso procedimenti penali (ora, tutti destinati all’archiviazione) per aver incassato ma non versato nelle casse dei Comuni la tassa di soggiorno, ma che lascerà, ancora una volta, l’amaro in bocca ai cittadini che pagano tasse e imposte fino all’ultimo centesimo.

Ma sorge anche spontanea una domanda: a quando la depenalizzazione anche per chi incassa l'Iva per conto dello Stato e non la versa all'erario? Forse, è solo questione di tempo!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più