Categoria: Il Foglietto

Morì in Engadina per un banale incidente. Aveva 34 anni e si trovava a Sils Maria, l’unico posto nel quale si fosse mai sentita a casa e che definiva un “luogo dalla bellezza insuperabile”.

Annemarie Schwarzenbach, figura tra le più affascinanti del Novecento letterario, era nata a Zurigo nel 1908 in una facoltosa famiglia di industriali dalla quale decise di allontanarsi in maniera via via più radicale.

Durante gli studi di Storia, svolti tra Parigi e Zurigo, incontrò Erika e Klaus Mann, con i quali condivise un risoluto antifascismo e uno stile di vita bohémien.

Nel 1931 pubblicò il suo primo romanzo, Gli amici di Bernhard, e decise di dedicare la propria vita alla scrittura.

Alla produzione romanzesca affiancò il lavoro di giornalista e fotografa scrivendo articoli da tutto il mondo; anticonformista, avventurosa, apertamente omosessuale, tormentata e morfinomane, tra le sue imprese resta memorabile l’epico attraversamento dell’Afghanistan in macchina insieme a Ella Maillart, giornalista ed esperta viaggiatrice.

Nel 1942 cadde dalla bicicletta a Sils Maria, un luogo dove aveva trascorso vacanze indimenticabili con la famiglia Mann, procurandosi una lesione alla testa. Morì due mesi dopo.

Per saperne di più: articolo di Serena Fuart e romanzo Lei così amata di Melania Mazzucco, una biografia che è un atto d'amore.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice su " Donne e scienza", collabora con l'Università delle donne di Milano
https://www.facebook.com/sara.sesti13

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più