Categoria: Il Foglietto

Marie e Pierre Curie hanno messo a disposizione della comunità scientifica la loro scoperta della radioattività, gratuitamente, senza brevettarla.

Molti dei loro amici affermavano che se avessero garantito i loro diritti, avrebbero conquistato i mezzi finanziari necessari per la creazione di un “Istituto del Radio” soddisfacente, senza incontrare gli ostacoli che sono stati per loro un handicap.

Così rispondeva la grande scienziata:

“Rimango convinta che abbiamo avuto ragione. L’umanità ha certamente bisogno di uomini pratici che traggano il massimo possibile dal loro lavoro e che, senza dimenticare il bene generale, salvaguardino i propri interessi.

Ma essa ha anche bisogno di sognatori, per i quali il prolungarsi disinteressato di un’impresa è così affascinante che è per loro impossibile consacrarsi ai propri benefici materiali.

Non si può dubitare di questo: questi sognatori non meritano la ricchezza perché non l’hanno desiderata.

Tuttavia, una società ben organizzata dovrebbe assicurare a questi lavoratori i mezzi efficaci per adempiere al loro compito, in una vita liberata dalle preoccupazioni e liberamente consacrata alle ricerche.”

Senza dubbio, un grande esempio morale…

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice su " Donne e scienza"
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/sara.sesti13

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più