Categoria: Il Foglietto

Oggi ricorre il 77° anniversario del Rastrellamento del Quadraro, un evento tragico della nostra storia nazionale, la cui memoria occorre preservare e difendere, sempre. L'episodio è ampiamente narrato e descritto da Sergio Gentili e Aldo Pirone nel loro Roma '43-44. L'alba della Resistenza – Bordeaux Edizioni – 2019 – pp. 266 – euro 15,20.

Un libro importante per conoscere il valore “popolare” della Resistenza romana e non solo.

«I romani hanno spesso dimostrato che non amano né alzarsi al mattino né sollevarsi contro un nemico». Così il colonnello delle SS, Eugen Dollmann, aveva immaginato l’occupazione nazista di Roma. Dovette ricredersi e constatare che Roma è stata la capitale che ha dato «più filo da torcere». Proprio qui infatti, all’indomani del 8 settembre, i partiti antifascisti si sono costituiti in Comitato Centrale di Liberazione Nazionale dando vita di fatto alla Resistenza, mentre il re, Badoglio e i capi militari sono fuggiti lasciando la città in balìa delle truppe tedesche.

Per gli occupanti nazisti e i fascisti al seguito, Roma diviene un “letto di procuste” punteggiato, al centro come nelle borgate di periferia, da continui attacchi partigiani portati avanti dalle formazioni militari dei partiti antifascisti. Tali azioni vengono sostenute dalle più diverse forme di resistenza popolare, in cui le donne svolgono un ruolo determinante.

Via Rasella, Regina Coeli, l’hotel Flora, piazza Barberini, via Tomacelli, la stazione Termini, Tor Pignattara, Centocelle, Quarticciolo, Gordiani, Tiburtino, Pietralata, Ostiense, Ottavia, Monte Mario sono i luoghi più conosciuti della resistenza militare prima e della guerriglia partigiana poi.

Questo libro è il racconto di un’epopea di lotta popolare e partigiana.

W l'Italia che resiste!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più