Categoria: Il Foglietto

“Maschi, bianchi, anziani” questo è l’identikit dei Nobel per la scienza.

Che il numero delle donne premiate continui a essere esiguo (24, se consideriamo anche i due Nobel per l’Economia) non significa, a mio avviso, che siano meno brave dei colleghi e non deve sorprendere più di tanto perché, in genere, i lavori premiati sono abbastanza datati e risalgono ad anni in cui le ricercatrici erano ancora ‘mosche bianche’ nei laboratori universitari e quasi sempre erano relegate in ruoli secondari. Come potevano emergere?

Oggi la situazione è molto migliorata: la presenza delle scienziate nella ricerca è in continuo aumento e non ci sarebbe da stupirsi se tra 30 anni le donne fossero premiate in maggioranza.

Anche di questo si parlerà in occasione dell’incontro, organizzato da Apriti Cielo, “Donne di scienza: l’eccezione e la regola”, 13 novembre ore 15.30, Biblioteca del comune di Rodano.

Nell’immagine in alto, Jennifer Doudna, Andrea Ghez ed Emmanuelle Charpentier: Nobel per la Chimica e per la Fisica 2020.

Per approfondire www.universitadelledonne.it/nobeldonne.htm

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più