25. 01. 2021 Ultimo Aggiornamento 25. 01. 2021

Ciao "Giggi", grande attore

Gigi Proietti è stato un grande attore romano e romanesco e proprio per questo universale, come Sordi e Petrolini, che lui amava tanto. Oggi i mass media lo ricorderanno e ne ricorderanno le performance teatrali, cinematografiche e tanti aneddoti della sua intensa vita di uomo colto e dello spettacolo. Era anche un compagno.

Leggi Tutto

I benefici della rivoluzione digitale solo fra alcuni anni. O decenni

Interrogarsi, come ha fatto di recente un bel paper pubblicato dalla Banca di Francia, su cosa abbia determinato la notevole crescita della produttività nell’ultimo mezzo secolo, che tanto benessere ha generato nel mondo, serve innanzitutto a provare a capire perché l’ultimo ventennio sia connotato da un trend opposto. La produttività tende a declinare, almeno nei paesi avanzati, alimentando suggestioni millenaristiche come quella della stagnazione secolare, concepita in tempi remoti e tuttavia vieppiù attuale in un contesto come il nostro contrassegnato sempre più da popolazioni anziane e tassi di interesse rasoterra.

Leggi Tutto

Il Ministero dell'istruzione risarcisce i danni se a scuola esplode la caffettiera

Con sentenza n.23146/2020, pubblicata il 22 ottobre scorso, la Corte di Cassazione – Sezione Lavoro – ha rigettato il ricorso proposto dal Ministero dell’istruzione, con conseguente conferma della sentenza n. 1372/2013 della Corte d'Appello di Catania che, in parziale accoglimento dell'appello - proposto da una dipendente del Comune di Acireale, in servizio presso una scuola elementare con qualifica e mansioni di operatore scolastico - aveva condannato il medesimo Ministero al risarcimento dei danni patiti dall'appellante in conseguenza dell'infortunio sul lavoro e aveva condannato l'Inail al pagamento in favore della stessa appellante dell'indennizzo per inabilità assoluta temporanea di 150 giorni.

Leggi Tutto

Dall'Ue sfida al sistema globale dei pagamenti made in Usa

Il recente speech di Fabio Panetta, componente del board della Bce, ha il pregio di chiarire una volta per tutte quale sia l’entità della posta in gioco nelle silenziosa partita che le autorità monetarie e finanziarie di mezzo mondo stanno giocando al riparo dagli occhi del grande pubblico: nientemeno che la ricomposizione del sistema europeo dei pagamenti. Che significa mettere in discussione il predominio di quello “estero” all’interno dell’Europa che si esprime nel primato di PayPal nei pagamenti on line e in quello di Mastercard e Visa in quelli delle carte di debito e credito.

Leggi Tutto

Paraloup, borgata della natura e dei racconti della Resistenza

Paraloup è una piccola borgata situata a circa 1400 m nel comune di Rittana, in provincia di Cuneo, che diede ospitalità, nel 1943, alla prima banda partigiana di Giustizia e Libertà, capitanata da Duccio Galimberti e che vide il passaggio di personaggi come Dante Livio Bianco, Nuto Revelli, Leo Scamuzzi, destinati a diventare protagonisti della lotta di liberazione.

Leggi Tutto

Area B spente le telecamere, il sindaco Sala fa retromarcia

L’11 ottobre scorso, alla vigilia dell’annunciata inopinata riapertura, con ordinanza comunale, dell’area B di Milano, nonostante lo stato di emergenza sanitaria fosse stato prorogato dal Governo al 31 gennaio 2021, avevamo scritto che quel provvedimento, stante il trend esponenziale di ripresa della diffusione del Covid-19, rischiava di essere un pericoloso moltiplicatore dei contagi.

Leggi Tutto

"M. L'uomo della provvidenza" di Antonio Scurati, anatomia di una dittatura

M. L’uomo della provvidenza di Antonio Scurati, editore Bompiani, 2020, pp.645, euro 23.

Recensione di Adriana Spera

Dopo M. Il figlio del secolo, già recensito dal nostro giornale, appare quanto mai utile leggere questo secondo capitolo della preannunciata tetralogia di Antonio Scurati, per comprendere quanto siano pericolosi i partiti o i movimenti che non corrispondono a delle comunità, che si basino sul culto di una persona, anziché su meccanismi collegiali e democratici.

Un fenomeno che - dalla nascita della cosiddetta Lista Pannella in poi, passando per Forza Italia per Berlusconi Presidente e per il Movimento 5 stelle Beppegrillo.it e, da ultimo, alla Lega-Salvini premier - si è andato sempre più diffondendo in Italia, di pari passo con lo scadimento della classe politica. Un fenomeno che ha lambito, pur senza assumere alcuna denominazione personale, anche il PD ai tempi di Renzi.

Insomma, di forze politiche il cui fulcro è il leader, dominus di ogni decisione senza che vi sia alcuna possibile discussione collegiale, ve ne sono sempre di più e non si può certo dire che la nostra democrazia ne abbia guadagnato.

In questo secondo libro della sua tetralogia su Mussolini, Antonio Scurati analizza per l’appunto la trasformazione di quello che da giovane era quasi un anarchico anticlericale, poi socialista rivoluzionario, quindi il conservatore fondatore di quel movimento dei fasci italiani da combattimento che non riesce a controllare e, da ultimo il dittatore travestito da statista che tutto decide, dentro e fuori dal suo partito, ammaliando un intero paese, tanto che persino Pio XI, dopo la firma dei Patti lateranensi, lo definirà l’uomo della Provvidenza.

Il libro parte dal 1925 quando il dittatore, vistosi prossimo alla caduta per lo scandalo seguìto all’omicidio Matteotti, si ammala di ulcera. Ma, ancora una volta, risorge dopo una caduta, reagisce e sfida la Camera dichiarando “Io, io solo porto la responsabilità politica, morale e storica di quanto è accaduto. Io sono l’Italia, io sono il fascismo, io sono il senso della lotta, io sono il dramma grandioso della storia. Se c’è qualcuno che osi impiccarmi a questo ramo nodoso si alzi adesso e tiri fuori la corda”.

Quello che ha dinanzi, però, è un Parlamento inerte e lui ne esce più forte di prima. Anzi, è proprio quel 3 gennaio 1925 un’altra tappa decisiva per l’affermazione della dittatura fascista, perché, se prima si aveva a che fare con le scorribande di squadracce apparentemente incontrollabili e fuori legge, ora, nelle 48 ore successive a quel discorso, è il ministro dell’interno che chiude centinaia circoli politici, esercizi pubblici sospetti di attività politica, gruppi e organizzazioni d’opposizione, che mette sotto controllo reti telefoniche e posti pubblici, ordina perquisizioni e arresti.

Il fascismo diventa così pervasivo che l’allora segretario del partito Roberto Farinacci, il più oltranzista dei gerarchi, dirà “il fascismo non è un partito è una religione!” e si comincia a teorizzare un nuovo tipo di italiano: l’uomo fascista, coraggioso e, al contempo, obbediente al Duce che stabilisce ed elargisce, nella misura e nei limiti stabiliti di volta in volta ad personam, prebende e dosi di libertà (proprio in questi anni verrà redatto il codice Rocco. Ahimè, dal 1930, tutt’ora largamente vigente).

Ma sono anche gli anni in cui avviene la trasformazione del movimento fascista nel partito dell’uomo solo al comando. Defenestrato l’intransigente, il falso moralizzatore, Farinacci viene sostituito con il debole Augusto Turati cui viene affidata la mission impossible di arrivare ad un Partito definitivamente “inquadrato” in cui cessi ogni diatriba, si cancelli ogni personalismo (e ce ne sono davvero troppi), perché deve essere solo lui, M, il Capo, a decidere. E il nuovo segretario ubbidisce, persino le direttive che impartisce ai dirigenti di partito le ribattezza “fogli d’ordine” (la stessa denominazione data nell’esercito alle disposizioni dei comandanti ai subalterni).

Come vedremo, è una guerra persa, in cui a perire sarà proprio il Turati, perché i capi fascisti sono ingorde sanguisughe avide di denaro e potere, l’un contro l’altro armati. Divisioni che faciliteranno il progetto mussoliniano dell’uomo solo con i pieni poteri.

M, infatti, stabilisce dapprima che i membri del massimo organo del regime, il Gran Consiglio, verranno nominati (non più eletti) e, successivamente, di fatto li esautora affidando i loro poteri ai prefetti. Così la compagine governativa è concentrata nelle sue mani mantenendo per sé le deleghe relative a ben sette ministeri.

Un partito che, con il segretario Achille Starace e il comandante Rodolfo Graziani (l’uomo delle conquiste coloniali), data la crudele stupidità dei personaggi, fa pensare ai fascisti su Marte, di Corrado Guzzanti.

Intanto, gli italiani vivono in condizioni economiche sempre peggiori. Anche a causa della speculazione finanziaria, la crisi della lira si ripercuote sul costo della vita e con i provvedimenti conseguenti a quota 90 (l’obiettivo è raggiungere il cambio con la sterlina a 90 lire) le retribuzioni saranno pure ridotte, ma il dittatore chiede di fare i necessari sacrifici perché “il fascismo non è soltanto un partito ma un regime, non è soltanto un regime ma una fede”.

Con la riforma della polizia ora guidata, con polso duro e clientelare, da Arturo Bocchini da San Giorgio la Montagna, nessuna forma di opposizione, neppure una semplice critica o persino una battuta che irrida il dittatore è consentita. La repressione diviene “sistematica, capillare e preventiva”. Agli oppositori più in vista viene tolta persino la cittadinanza; tutti sono sotto controllo, vengono intercettati persino i gerarchi e lo stesso capo del governo e non mancano certo i complici del sistema: i delatori tra gli oppositori, specialmente tra gli esuli.

Il fascismo dovrà essere dappertutto, perché come sentenzia M “Tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”. Per gestire tutto questo, il dittatore chiede 50milioni di fondi neri da gestire personalmente, senza doverne rendere conto ad alcuno.

È lo Stato di polizia, che culminerà con la nascita dell’Ovra, nel 1927.

La difesa dello Stato e dell’ordine pubblico, d’ora in poi, coincideranno con la difesa di Mussolini, del suo corpo mitizzato, ciononostante, gli attentati alla sua persona si susseguono.

Nel frattempo, in Italia, è tutto un fiorire di opere pubbliche e di nuovi enti pubblici. La scuola deve formare i nuovi fascisti. La fisionomia dell’apparato statale cambia: sotto un apparente ammodernamento, v’è la pervasività del regime in ogni aspetto della vita degli italiani (persino in camera da letto) ogni diritto individuale è cancellato, tutti vengono schedati.

All’estero, questi cambiamenti vengono letti non come la nascita di un regime dittatoriale ma come la nascita di uno stato moderno e piovono gli elogi, dal Washington Post a Churchil. Le altre nazioni democratiche non vedono, o fanno finta di non vedere - perché temono di più una svolta come quella avvenuta il Russia - che intanto il regime fascista ogni giorno diventa più duro: si espellono i deputati d’opposizione dal Parlamento, si ritirano i passaporti ai dissidenti, vengono soppressi i giornali d’opposizione, sciolti gli altri partiti, istituiti il tribunale speciale per i reati politici e il confino di polizia. Nei tribunali speciali non v’è diritto di difesa, i giudici vengono scelti nei ranghi dell’esercito.

Gli unici oppositori rimasti sono i comunisti.

In tutta questa storia, fin dall’inizio nel 1922, le colpe più gravi vanno ascritte ai Savoia. Vittorio Emanuele III è il maggior comprimario di Mussolini: non solo lo pone a capo del governo ma arriva persino ad elevarlo, mediante onorificenza, al rango di proprio cugino; lo riceve insieme ai suoi gerarchi al Quirinale con tutti gli onori. Non esercita mai le proprie prerogative, neppure quando vengono abolite le elezioni e si perviene con un plebiscito ad un Parlamento di nominati.

Lo Statuto albertino di fatto è abrogato, ma il discendente di Carlo Alberto non ha nulla da obiettare. Così come i leader delle nazioni vincitrici della prima guerra mondiale che non vedono le manovre di politica estera di M per allacciare alleanze con i paesi sconfitti e, soprattutto, con gli emergenti movimenti nazionalsocialisti.

Nessuno ha da ridire neppure sulle politiche coloniali di Mussolini che per conquistare la Libia ricorre anche all’uso delle armi chimiche, come l’iprite, pur avendo sottoscritto nel 1925 il protocollo di Ginevra, che proibiva l’uso in guerra di gas asfissianti e tossici. Tutti tacciono, pur sapendo dei campi di concentramento realizzati in Cirenaica dove vengono internate migliaia di persone in condizioni subumane.

M, l’ex socialista rivoluzionario, ora è un dittatore riverito in Italia e nel mondo, il figlio del fabbro che andava a scuola con le scarpe sulle spalle per non consumarle è ora un ricco statista mentre gli italiani sono ormai privati di ogni diritto e della dignità, ma innamorati di questa sorta di semidio.

Con la sua scrittura lieve, Antonio Scurati, con discrezione, porta, chi non sa o non ricorda, a capire, a ricordare quello che è un percorso inevitabile quando vi sono gli uomini soli al comando, gli uomini che chiedono per sé i pieni poteri.

Un percorso da non ripetere.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Su One Planet School, piattaforma on line del WWF, una lezione di Giovanni Damiani

One Planet School, piattaforma online del WWF Italia, nell’ambito di un ambizioso progetto volto a “impostare un ordinato sistema educativo e formativo con una forte spinta verso l’innovazione, sui diversi temi trasversali, interdisciplinari e sinergici, della conoscenza e della conservazione attiva della natura”, ha di recente messo gratuitamente a disposizione degli utenti corsi di approfondimento suddivisi in lezioni contenenti schede, presentazioni, video e tanti materiali utili alla comprensione dei fenomeni e delle loro interconnessioni.

Attualmente, la piattaforma ospita ben 62 lezioni, suddivise in quattro corsi (La sfida della complessità, Noi siamo Natura, I grandi cambiamenti, Costruire il futuro), tenute da “alcuni dei migliori cervelli, nazionali ed internazionali, in tutti i campi della conoscenza".

Una delle 8 lezioni in cui si articola il corso “Noi siamo natura – Fiumi: Le arterie della Terra”, dal titolo “Un fiume di vita”, è svolta da Giovanni Damiani, biologo, già direttore generale dell’Anpa (ora, Ispra) e direttore tecnico di Arpa Abruzzo, ora presidente di G.U.F.I. (Gruppo Unitario per la difesa delle Foreste Italiane), associazione nata per contrastare attivamente l’assalto al patrimonio arboreo e boschivo e per diffondere le conoscenze sugli ecosistemi forestali.

Damiani, che ha scritto numerosi articoli per il nostro giornale, è anche specializzato nello studio delle acque interne, dei fiumi e dei laghi dai punti di vista eco-biologico e chimico, e ha contribuito alla messa a punto dei metodi per la determinazione della qualità delle acque e all’inserimento degli Indici Biotici nella normativa.

Il video della lezione “Un fiume di vita” di Giovanni Damiani

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Università di Pisa, nuovo biomarcatore per la cura del morbo di Crohn

Una ricerca, condotta da un gruppo di medici e docenti dell’Università di Pisa e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Pisana (AOUP), i cui risultati sono sati pubblicati sulla rivista Alimentary Phamacology & Therapeutics, ha portato alla scoperta di un nuovo biomarcatore plasmatico, l’Oncostatina M, per la terapia farmacologica del morbo di Crohn. Sarà così sufficiente un’analisi del sangue per ottimizzare e personalizzare il trattamento di questa grave patologia infiammatoria intestinale.

Leggi Tutto

Misure anti Covid: anche Vittorio Feltri, a sorpresa, ringrazia il premier Conte

Stamane, sul suo giornale, Vittorio Feltri ci sorprende. Infatti, scrive: “Anche noi di Libero quanto i colleghi di altri giornali abbiamo esagerato con le critiche rivolte al governo - che comunque non ci piace perché pasticcione e supponente - per come ha gestito la faccenda del Covid. Esso avrebbe potuto e dovuto far meglio, ovvio. Ma prima di linciarlo guardiamoci intorno e osserviamo cosa succede in mezzo mondo”.

Leggi Tutto

Inceneritori, Tar e Corte Ue bocciano Dpcm per elusione "democrazia partecipativa dal basso"

La tenacia di numerose associazioni ambientaliste, in primis "Verdi Ambiente e Società" e "Movimento Legge Rifiuti Zero per l'Economia Circolare", rappresentate e difese dagli avvocati Federico Pernazza e Antonello Ciervo, dopo una lunga battaglia svoltasi dal 2016 ad oggi, sia a livello nazionale (Tar) che europeo (Corte di Giustizia Ue), ha avuto la meglio sulla Presidenza del Consiglio dei Ministri (Governo Renzi) e sul Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare che, il 10 agosto 2016, avevano sottoscritto, in attuazione dell’art. 35, primo comma, del Decreto legge n. 133/2014 (c.d. Sblocca Italia), convertito con modificazioni dalla legge n. 164/2014, un Dpcm, pubblicato in Gazzetta ufficiale n. 233 del 5 ottobre 2016.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più