27. 10. 2020 Ultimo Aggiornamento 27. 10. 2020

Il governo ripristina l’anatocismo bancario mentre per la stampa è stato abolito

In politica, la disinformazione si manifesta spesso nel tentativo di sviare i sostenitori del proprio avversario o oppositore diffondendo false dichiarazioni o insinuazioni, oppure tirando acqua al proprio mulino con altrettante falsità o alterazioni della realtà dei fatti (es. forme di negazionismo che negano l'evidenza al fine di alimentare dubbio e incredulità nel manipolato fino al rigetto della tesi iniziale) o semplicemente violando le norme basilari dell'informazione oggettiva, come il mancato riporto o oscuramento di notizie e fatti ritenuti sconvenienti e inopportuni alla propria causa.

Leggi Tutto

Tango Bond: nuove vittorie in Tribunale per gli avvocati di Adusbef

A 15 anni dal default della Repubblica Argentina, che colpì nei primi anni duemila circa 450.000 risparmiatori italiani per un valore di 14 miliardi di dollari, gli avvocati Adusbef continuano ad ottenere sentenze di condanna delle banche, con l’avv. Paganetto delegato del Veneto che è riuscito a far ottenere dal Tribunale di Venezia 830.000 euro di risarcimento per investimenti rischiosi, o come la sentenza innovativa del Tribunale di Bari ottenuta dall’avv. Angiuli, che oltre a far condannare la banca a risarcire 123.000 euro dell’intero capitale investito, ha lasciato all’utente anche gli interessi (cedole) incassati.

Leggi Tutto

Prestito ipotecario vitalizio (Piv): un nuovo oppio per drogare gli anziani

PIVIl nuovo Prestito ipotecario vitalizio (Piv), in vigore in Italia dal 2 marzo scorso, è un finanziamento bancario senza rata, a metà tra un prestito e un mutuo, rivolto a chi ha più di 60 anni e decide di attingere al ‘bancomat casa’, in cambio del 15-25% del valore dell'abitazione di cui è proprietario, sulla quale viene iscritta un'ipoteca a favore dell'istituto bancario.

Leggi Tutto

Se il mutuatario non paga 7 rate, l’immobile passa alla banca. Cancellato l’art. 2744 del c.c.

mutui non pagatiIl Governo Renzi, con l’abrogazione dell’art. 2744 c.c., che vieta il patto commissorio (norma a tutela del consumatore, contraente debole rispetto alle banche nel negoziare un contratto di mutuo), permette alle banche di appropriarsi delle case acquistate con il mutuo o con un prestito, qualora il debitore non abbia pagato 7 rate, anche non consecutive, entrando direttamente in possesso dell’immobile senza passare per le normali procedure esecutive.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più