Categoria: Editoriali

Chi parla di guerra generazionale, osservando la grande disparità dei redditi fra vecchi e giovani italiani specie all’indomani della crisi, trascura di sottolineare che nei dieci anni trascorsi dal 2008 non è semplicemente aumentato il reddito equivalente degli ultra65enni. La notizia è che sono aumentati gli ultra65enni.

La guerra, se così vogliamo chiamarla, l’hanno vinta da un pezzo.

I giovani sono sempre meno e, per giunta,vengono puniti da una congiuntura economica che ormai si orienta verso i bisogni degli anziani, che sono sempre più numerosi. Questa maggioranza relativa ha un potente effetto di attrazione gravitazionale, orientando l’offerta politica e il dibattito pubblico.

Ai giovani viene riservata l’attenzione distratta di qualch  la popolazione. E, perciò, anche il reddito.

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
giornalista socioeconomico - Twitter @maitre_a_panZer

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più