Categoria: Editoriali

Chi nutrisse dubbi sull’autentico potere del nostro tempo – l’abilità a cumulare debiti – potrebbe superarli osservando che gli Stati Uniti detengono 48,1 dei 164 trilioni di debito globale. Ma anche l’identità del secondo classificato, ossia la Cina, conferma il sospetto.

I cinesi ormai competono con gli Usa su tutto, dai brevetti scientifici al dominio sui mari, figuriamoci se si facevano mancare i debiti. Badate però a non ingannarvi.

Se bastasse far debiti noi italiani saremmo fra i poteri forti, godendo del privilegio del terzo debito pubblico mondiale dopo quello di Usa e Giappone, e soprattutto essendo bene intenzionati a farne ancora.

Purtroppo, però, non basta far debito. Bisogna anche sostenerlo. Chi ci riesce riceve il marchio del potere. Gli altri quello della disgrazia.

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
giornalista socioeconomico - Twitter @maitre_a_panZer

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più