Categoria: Lavoro

Redazione

La Commissione Europea ha deferito l’Italia alla Corte di Giustizia di Strasburgo per il mancato recepimento dell'art. 5 della direttiva 2000/78 CE, che obbliga il datore di lavoro a trovare tutte le soluzioni possibili per agevolare il lavoro dei disabili, rimuovendo le barriere che ne ostacolano l'occupazione.

Per la Commissione, l’Italia ha mal recepito la direttiva, non avendo fatto obbligo al datore di lavoro di trovare soluzioni ragionevoli in favore dei portatori di handicap.

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più