08. 07. 2020 Ultimo Aggiornamento 07. 07. 2020

La ministra Giannini boccia senza appello l’agenzia della ricerca

Categoria: Lavoro

Stefania Giannini, intervenendo  martedì scorso, a Roma, all’assemblea dell’Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie (Assobiotec), ha chiarito il pensiero del governo in merito alla creazione di una Agenzia della ricerca, richiesta da più parti.

La titolare del Miur è stata tranchant, dichiarando che la ricerca pubblica italiana non ha bisogno di una «nuova struttura con nuovi presidenti, con nuovo cda, che da Roma riesca a governare il territorio» e che «il resto del mondo va in un’altra direzione, però open mind: basta avere idee chiare e sapere dove vogliamo andare».

“Nel 2008 - ha ricordato la ministra – ci provò la Moratti a creare un’agenzia per la ricerca, ma il progetto morì in culla, anzi nel passeggino».

Un duro colpo per quanti in queste ultime settimane si sono spesi a favore della creazione del nuovo organismo.

Forse per addolcire la pillola, la Giannini ha dato per imminente la presentazione del nuovo Piano nazionale della ricerca, che dovrebbe portare in dote 2,5 miliardi cash.

Staremo a vedere.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più