27. 09. 2020 Ultimo Aggiornamento 27. 09. 2020

Per gravissime situazioni personali, trasferimenti senza limiti d'organico

Redazione

Non può essere negato il trasferimento al dipendente pubblico ad altra sede, anche in soprannumero all’organico dell’ufficio di destinazione, qualora risulti giustificato da gravi e comprovati motivi familiari.

Il diniego è illegittimo atteso che è consentito il trasferimento del dipendente, in presenza di gravissime situazioni personali, “anche in soprannumero”, senza imporre alcuna espressa considerazione comparativa sulle esigenze organizzative degli uffici e impedendo all’Amministrazione, nel motivare il rigetto dell’istanza, di arrestarsi alla mera constatazione della mancanza di vacanze in organico.

A stabilire l’importante principio è stato il Tar Puglia - Sez. III Lecce (Pres. Cavallari, Est. De Gennaro), con sentenza n. 1990 del 24 settembre 2010.

Mancanza titolo di studio blocca stabilizzazione

di Antonio Del Gatto

Ai fini dell'ammissione a selezione di un precario, collaboratore o con contratto a tempo determinato, cui consegue l'inserimento definitivo nella pianta organica dell'Amministrazione che ha bandito il concorso, il candidato deve possedere il titolo di studio previsto per l'accesso alla qualifica cui egli aspira, e ciò anche se la procedura selettiva è riservata ad una particolare tipologia di personale.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più