Giornale on-line fondato nel 2004

Sabato, 13 Lug 2024

Per il momento, quello proposto da Agnese Gallicchio, Nunzia Catalfo e Fabrizio Trentacoste (M5S)  è solo uno degli oltre 6 mila emendamenti presentati alla Legge di Bilancio. Ma se alla fine fosse approvato, rappresenterebbe una vera e propria rivoluzione per il lavoro femminile, una misura in grado di ridurre il gap di genere rappresentato da una differenza di circa 20 punti percentuali nel tasso di occupazione, uno dei valori più alti in Europa.

La proposta consiste nel riconoscere alle donne che guadagnano fino a 40 mila euro, una deduzione dal reddito imponibile fino a 3 mila euro l’anno per pagare colf, badanti e baby sitter.

Molte donne, infatti, dovendosi sobbarcare il peso della gestione della casa, della cura dei figli o dei genitori anziani in misura nettamente maggiore dei loro partner maschili, rinunciano a lavorare oppure scelgono il part time (laddove consentito) o, ancora, sono impossibilitate a trattenersi di più in ufficio e a competere con gli uomini per gli avanzamenti di carriera. Avendo invece la possibilità economica di affidare ad altri i lavori domestici e di cura, potranno più facilmente intraprendere o mantenere un percorso lavorativo.

Ma ci sono almeno un altro paio di aspetti interessanti nell’incentivo proposto.

Se il lavoro domestico o di cura delle persone è svolto da un componente della famiglia (lavoro informale), questa attività non viene conteggiata ai fini del Pil, poiché non dà origine ad alcuna transazione monetaria. Viceversa, se una donna assume un’altra persona per farle svolgere a pagamento i lavori che altrimenti farebbe lei, crea nuova occupazione, maggiore reddito e quindi Pil aggiuntivo.

Non si può poi trascurare che in Italia il lavoro domestico retribuito è per oltre il 50% effettuato in nero, ma se tale costo fosse portato in deduzione dal proprio reddito, la datrice di lavoro avrebbe tutto l’interesse a regolarizzarlo, pagando anche i contributi previdenziali e per gli infortuni, cosicchè la deduzione concessa si ripagherebbe in parte da sola.

Se da un lato è giusto auspicare e sostenere misure che favoriscano una equa ripartizione dei carichi familiari tra uomo e donna, dall’altro non si può disconoscere che il riequilibrio è un processo lento e pieno di ostacoli, dovendosi scontrare con mentalità e abitudini radicate nei secoli.

Ben venga, quindi, nel frattempo, un aiuto economico concreto in favore delle donne, che consenta loro di compensare lo svantaggio nelle opportunità di lavoro e di sviluppo professionale.

Franco Mostacci
ricercatore statistico, analista economico, giornalista pubblicista
www.francomostacci.it
twitter: @frankoball
redazione@ilfoglietto.t

empty alt

Anci: a rischio a settembre ripresa attività dei servizi educativi per l'infanzia

Anci (Associazione nazionale comuni italiani) esprime preoccupazione per le continue segnalazioni...
empty alt

Prezzi internazionali raffreddati dalla deflazione cinese

Sempre perché la globalizzazione è assai più complessa di come la si immagina, vale la pena...
empty alt

“Gli indesiderabili”, film che emoziona e non si fa dimenticare in fretta

Gli indesiderabili, regia di Ladj Ly, con Anta Dia (Haby Keita), Alexis Maneti (Pierre),...
empty alt

Il peso specifico del settore auto nell’economia europea

L’ultimo bollettino della Bce contiene una interessante analisi che ci consente di farci un’idea...
empty alt

Roberto Tomei, insigne giurista, firma storica del Foglietto, non è più tra noi

Abbiamo appreso oggi con immenso dolore che l’insigne giurista Roberto Tomei, lo scorso 19 giugno, è...
empty alt

Consegue la laurea, Uniba gliela toglie, il Tar gliela restituisce

Con sentenza n. 817/2024, pubblicata il 4 luglio scorso, il Tar per la Puglia (Sezione seconda),...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top