Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 17 Apr 2024

previdenza ID 6916Lo squilibrio del sistema previdenziale e assistenziale ha assunto in Italia un carattere strutturale di notevoli dimensioni finanziarie.

Fino al 1998, i contributi erano sufficienti a pagare almeno le pensioni[1], ma la differenza è andata crescendo nel tempo, soprattutto in considerazione del fatto che il gettito contributivo negli ultimi anni è aumentato in misura marginale, mentre la spesa pensionistica è più che raddoppiata, passando da 125 miliardi di euro nel 1995 a 296 miliardi nel 2022[2].

Le altre spese previdenziali (tra cui Tfr, indennità di malattia, maternità e infortuni, cassa integrazione, assegni familiari) sono cresciute da 17 a 56 miliardi di euro, di cui 14 nell'ultimo triennio, dovuti alle integrazioni salariali concesse per fronteggiare gli effetti del lockdown pandemico nel 2020-2021 e da marzo 2022 per l’introduzione dell’Assegno unico e universale per i figli a carico.

A loro volta, le spese assistenziali (assegno sociale, pensioni di guerra e di invalidità, altri sussidi) sono passate da 12 a 54 miliardi, di cui 10 a regime dal 2015 dovuti al bonus di 80 euro mensili per i lavoratori dipendenti a basso reddito[3]. Nel 2019 si è registrato un aumento di 4 miliardi di euro in buona parte dovuta all’istituzione del Reddito di cittadinanza per i ceti meno abbienti (circa 8 a regime dal 2020) e nel 2020-2021 ulteriori 15 miliardi per interventi volti a contenere la crisi pandemica, tra cui il Reddito di emergenza (Rem).

La spesa previdenziale ed assistenziale è complessivamente aumentata da 361 miliardi del 2019 a 407 miliardi nel 2022 (+46 miliardi), generando uno squilibrio di 146 miliardi rispetto alle entrate contributive.

La situazione non potrà che peggiorare negli anni a venire, riaprendo l'annosa questione della separazione della gestione strettamente previdenziale, per la quale dovrebbe esssere raggiungibile un equilibrio attuariale, da quella assistenziale a carico della fiscalità generale.

Spesa lorda per previdenza e assistenza e contributi incassati in Italia – Anni 1995-2022 (milioni di euro)

squilibrio previdenziale due ID 6916Fonte: Elaborazioni su dati Istat, conti annuali della pubblica amministrazione 

[1] I valori riportati sono le prestazioni lorde. Poiché sono soggette a tassazione, una quota della spesa rientra allo Stato sotto forma di imposte dirette.

[2] L’aumento di oltre 10 miliardi dell’ultimo anno è in buona parte dovuto alla rivalutazione dell’assegno pensionistico, effettuata prendendo a riferimento la variazione dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati (al netto dei tabacchi), che nel 2021 è stata di +1,9%.

[3] Dal 2021 il ‘trattamento integrativo’ è stato portato a 100 euro per i redditi lordi fino a 28 mila euro.

franco mostacci tondo 130x130Franco Mostacci
ricercatore statistico, analista economico, giornalista pubblicista
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dello stesso autore, di recente sul Foglietto.it:
Il triste bilancio dei morti in più nell'era del Covid-19

 

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top