04. 04. 2020 Ultimo Aggiornamento 03. 04. 2020

La nuova Ministra dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca

Categoria: L'angolo di Boschi

Stavo cercando di mettere assieme un testo allegro per l'ultimo numero del Foglietto del 2016, anche per fare gli auguri di Buon Natale e di Buon Anno ai nostri (pochi) lettori. Avevo perfino deciso di ignorare, per una volta, le incompetenze gravissime di alcuni personaggi a cui è affidata la difesa dai terremoti e dalle eruzioni vulcaniche.

Poi qualcuno mi ha fatto pervenire questo video, dove Valeria Fedeli esprime sue opinioni decise per il Referendum sulla riforma costituzionale.

Valeria Fedeli è la nuova Ministra dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca!

Allora ho capito che non ci può essere motivo di allegria: ormai da anni siamo diventati un Paese ignorante, da cui i giovani più brillanti giustamente scappano.

Ma la responsabilità è dei tanti politici, ignoranti essi stessi, da anni interessati solo ai loro patetici giochi di potere. Personaggi ormai ridicoli, senza giustificazioni!

Ascoltate allora che cosa dice la nuova Ministra dell'Istruzione, dell’Università e della Ricerca!

Non credo che avrà la capacità morale di vergognarsi, anzi pretenderà di esser presa sul serio!

Allora saluto questa Ministra Fedeli, il 2016 e tutti coloro che hanno la pazienza di leggermi, con Macbeth quando pronuncia il suo famoso monologo:

"... un povero commediante che si pavoneggia e si agita, sulla scena del mondo, per la sua ora, e poi non se ne parla più. Una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e di furore, che non significa nulla"

E infine:

“Questo … si trova sul mio cammino. Stelle nascondete i vostri fuochi! La luce non veda i miei tenebrosi e profondi desideri …".

Post Scriptum  

Giovani, non state a perder tempo e soldi iscrivendovi all'Università.

Esami, tesi, tesine, professori noiosi, professori pignoli, tasse universitarie ... basta!

Seguite l'esempio della Ministra della Pubblica Istruzione, dell'Università e della Ricerca: autolaureatevi!

In quale disciplina? Dipende da come vi svegliate! Per esempio, io, stamattina, mi sono autolaureato in medicina e ho dato consigli salutari a tutti quelli che incontravo: sono stato molto apprezzato.

Domani mi autolaurerò in Filosofia e assumerò atteggiamenti molto ispirati quasi ieratici ...

Anche i meno giovani possono coronare i loro sogni ... chi voleva fare il matematico cominci enunciando il teorema di Pitagora, i principii della geometria euclidea e definendo la derivata prima di una funzione continua ... senza preoccupazioni ... in allegria.

Chi sognava di fare l'ingegnere vada tranquillo ... magari, se può, eviti le zone sismiche anche se l'esperienza recente mostra che lì autolaureati erano già attivi da tempo ...

Soprattutto non fate come un Sottosegretario alla Pubblica Istruzione del precedente Governo che, durante il suo mandato, perse tempo laureandosi all'Università di Palermo rischiando di essere bocciato ...

Con tutti gli impegni che ha un Sottosegretario, vi sembra giusto che egli perda tempo a sottoporsi al giudizio di Professori che, magari cattivi, non hanno ricevuto dal Ministero i fondi che avevano chiesto?

Ma, purtroppo, sappiamo che ci sono i soliti secchioni che vogliono capire tutto, che vogliono lezioni d'alto livello, professori di prestigio come docenti, laboratori all'avanguardia ... insomma insopportabili rompiscatole!

Giustamente la Ministra, molto seccata, inviterà personaggi simili ad andarsene all'estero. Come in fondo succede da anni! Sono peraltro gufi antipatici che restando in Italia contribuirebbero a deprimere ulteriormente il Governo e il Paese. E il nuovo Governo vuole un clima tranquillo, sonnacchioso ...

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

banner iscriviti sindacato

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più