Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 21 Apr 2024

L'apertura alle donne delle università avvenne al Politecnico di Zurigo nel 1867. Prima di allora solo alcune donne ritenute speciali, come Elena Cornaro Piscopia, Laura Bassi e Anna Morandi Manzolini, furono insignite di una laurea, in via del tutto eccezionale, all’Università di Padova e di Bologna.

La prima laureata, che poté frequentare regolarmente corsi universitari in Italia, fu la russa Ernestina Puritz, che si sarebbe coniugata Paper e che ottenne la laurea in medicina e chirurgia presso l'Universtà di Firenze nel 1877, dopo la nascita dello stato unitario.

Originaria di Odessa e appartenente alla famiglia della borghesia commerciale ebraica dei Puritz-Manasse, Ernestina (1846-1926) si recò al Politecnico di Zurigo per intraprendere gli studi medici, seguendo un percorso comune a molte studentesse russe, poiché in patria le università non ammettevano donne.

L'istruzione superiore era ancora ritenuta inutile, anzi dannosa, per adempiere il ruolo familiare a cui le donne erano destinate. Per questo motivo si ebbe la migrazione di molte “suddite imperiali” verso la Svizzera.

Dopo aver frequentato i primi due anni di università a Zurigo, nel 1872 Ernestina si trasferì a Pisa e poi a Firenze dove concluse l'ultimo biennio di pratica clinica presso il regio “Istituto di Studi Superiori”.

Intraprese in seguito una carriera professionale, aprendo uno studio medico “per malattie delle donne e dei bambini” a Firenze. Tra i suoi piccoli pazienti ebbe anche i fratelli Nello e Carlo Rosselli, che sarebbero diventati attivisti della campagna politica antifascista.

Nel 1886, Ernestina ottenne un incarico pubblico dalla Direzione compartimentale dei telegrafi di Firenze che le affidò il compito di effettuare le visite mediche al personale di sesso femminile.
Una delle sue attività più interessanti fu la divulgazione medica d'igiene e scientifica che la portò, nel 1911, a gestire una scuola per bambinaie aperta anche a “signore e signorine”, che ebbe un buon successo per diversi anni.

Ernestina Paper visse a Firenze fino alla sua morte, avvenuta all’età di 80 anni.

Per approfondire: “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie", Ledizioni, Milano 2020, pag. 250,

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top