Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 21 Apr 2024

di Adriana Spera

Sempre più spesso, accade nella pubblica amministrazione che lavoratori formalmente alle dipendenze di società private si trovino a essere inseriti nell'organizzazione dell'ente come se fossero dipendenti pubblici.

Si è di fronte a una vera e propria intermediazione di  manodopera - vietata dalla legge - che, secondo un condivisibile orientamento giurisprudenziale, dovrebbe far sì che il lavoratore diventi dipendente dell'ente a tutti gli effetti.  Il Consiglio di Stato, nei giorni scorsi, con sentenza n. 294/2010 (Pres. Trotta, Est. De Felice), chiamato a pronunciarsi su una richiesta di riconoscimento del rapporto di impiego con la pubblica amministrazione presentata, con ricorso, da un lavoratore di una ditta appaltatrice, ha inteso fare un deciso distinguo tra enti pubblici economici e non. Secondo i giudici di Palazzo Spada, "non può essere accolto un ricorso proposto da un soggetto che ha svolto attività lavorative formalmente alle dipendenze di imprese appaltatrici di servizi per la pubblica amministrazione, che tuttavia ha chiesto il riconoscimento del rapporto di lavoro subordinato e continuativo con la (stessa) pubblica amministrazione, invocando il divieto di intermediazione di manodopera previsto dall'art. 1 della legge 23 ottobre 1960 n. 1369 (secondo cui il vero datore nel rapporto di lavoro subordinato è quello che effettivamente utilizza le prestazioni lavorative, anche se il lavoratore sia stato formalmente assunto da un altro, il datore apparente)". A motivo del diniego, i giudici togati hanno evidenziato che tale richiesta è fondata solo nel caso in cui il lavoratore abbia operato all'interno di un ente pubblico economico che notoriamente  svolge attività essenzialmente imprenditoriale, non dissimile da quella degli imprenditori privati. Mentre quando trattasi di ente non economico, ostano alla richiesta precise disposizioni di legge  che prevedono la procedura concorsuale come modalità ordinaria per l'assunzione, disponendo la nullità di diritto per ogni assunzione in deroga a tali disposizioni, in attuazione del principio costituzionale di cui all'articolo 97, secondo il quale agli impieghi pubblici si accede mediante concorsi, salvi i casi stabiliti dalla legge.

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top