Giornale on-line fondato nel 2004

Sabato, 13 Lug 2024

Il prestigioso premio per l’economia, assegnato lunedì 9 ottobre 2023, non era previsto dal testamento di Alfred Nobel. È stato istituito nel 1969 dalla Banca di Svezia, con uno speciale fondo di dotazione per il conferimento del Nobel, in memoria del chimico, imprenditore e filantropo svedese, inventore della dinamite.

Quest’anno il Nobel ha premiato l’economista Claudia Golin (in alto nell’immagine). Sono diventate così tre le studiose che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento.

La prima è stata Elinor Awan-Ostrom (1933 - 2012), politologa statunitense, che l’ha ricevuto nel 2009 per aver dimostrato che è possibile una gestione collettiva ed efficiente delle risorse comuni: che esiste una terza via tra stato e mercato, tra pubblico e privato, categorie economiche che sono delle pure metafore e non si verificano nel concreto.

A Esther Duflo (1972) il Nobel è stato assegnato nel 2019 per l’approccio sperimentale nella lotta alla povertà globale. Il metodo che la studiosa ha applicato all’economia è lo stesso che si usa in medicina nei cosiddetti studi di trattamento e controllo dei farmaci e ha portato a interventi efficaci che spaziano dal microcredito in Etiopia, alla lotta alla corruzione in India, all’offerta di vouchers per l’uso di contraccettivi in Zambia, alle campagne di sensibilizzazione per il risparmio delle risorse idriche negli Stati Uniti.

Claudia Goldin (1946) ha meritato il Nobel 2023 per i suoi studi sulle donne nel mercato del lavoro. L’Accademia ha voluto premiare il suo lavoro storico sulla ricerca di carriera e famiglia da parte delle donne, la coeducazione nell’istruzione superiore, l’impatto della pillola anticoncezionale sulla carriera delle donne e sulle decisioni matrimoniali, i cognomi delle donne dopo il matrimonio come indicatore sociale, le ragioni per cui le donne rappresentano ora la maggioranza degli studenti universitari e il nuovo ciclo di vita dell’occupazione; infine, sulle ragioni del persistente divario di genere nei guadagni, in un mercato del lavoro che lei ha definito “avido” perché uccide il merito, non tenendo conto di cause ed effetti.

Per saperne di più: “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie", Ledizioni, Milano 2023.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

empty alt

Anci: a rischio a settembre ripresa attività dei servizi educativi per l'infanzia

Anci (Associazione nazionale comuni italiani) esprime preoccupazione per le continue segnalazioni...
empty alt

Prezzi internazionali raffreddati dalla deflazione cinese

Sempre perché la globalizzazione è assai più complessa di come la si immagina, vale la pena...
empty alt

“Gli indesiderabili”, film che emoziona e non si fa dimenticare in fretta

Gli indesiderabili, regia di Ladj Ly, con Anta Dia (Haby Keita), Alexis Maneti (Pierre),...
empty alt

Il peso specifico del settore auto nell’economia europea

L’ultimo bollettino della Bce contiene una interessante analisi che ci consente di farci un’idea...
empty alt

Roberto Tomei, insigne giurista, firma storica del Foglietto, non è più tra noi

Abbiamo appreso oggi con immenso dolore che l’insigne giurista Roberto Tomei, lo scorso 19 giugno, è...
empty alt

Consegue la laurea, Uniba gliela toglie, il Tar gliela restituisce

Con sentenza n. 817/2024, pubblicata il 4 luglio scorso, il Tar per la Puglia (Sezione seconda),...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top