Giornale on-line fondato nel 2004

Giovedì, 18 Lug 2024

Mileva Maríć è stata una ragazza brillante e coraggiosa dalla straordinaria mente scientifica. Era nata a Titel, in Serbia il 19 dicembre 1875, città da cui emigrò per potersi laureare al Politecnico di Zurigo, la prima università europea ad ammettere le donne come studentesse.

Là conobbe il futuro marito Albert Einstein. Frequentavano gli stessi corsi, studiavano insieme e si innamorarono. La loro relazione fu però osteggiata dalla famiglia di lui perchè Mileva non era ebrea, aveva qualche anno più di Albert e era affetta da una lussazione congenita dell'anca che la faceva zoppicare.

Erano altre le qualità che Einstein trovava attraenti: era intelligente, seria, appassionata di matematica e di scienza, era profonda e aveva una personalità accattivante. Di lei scriveva: “I suoi occhi sono di un'intensità ammaliante e sul suo viso aleggia una nota seducente di malinconia”.

Si sposarono alla morte del padre di lui, nel 1903, dopo aver avuto una figlia, deceduta prematuramente per una malattia infettiva. Durante i primi anni del matrimonio, come è emerso da alcune lettere ritrovate postume e pubblicate nel 1987, i due si scambiarono molto del lavoro che fu attribuito al solo Albert.

Dopo la nascita di altri due figli e dopo aver rivoluzionato la scienza del Novecento, Albert divorziò per sposare la cugina Elsa e, nel 1921, vinse il Nobel per la fisica. La sua carriera aveva preso il volo, mentre la vita di Mileva si risolveva nella cura della casa e dei ragazzi, in un triste ripiegamento su se stessa. Morì nel 1948 a Zurigo.

La sua storia è finita nell’anonimato, nonostante il contributo alle scoperte del marito, almeno fino al 1905, anno di pubblicazione della teoria della relatività ristretta.

Oggi Mileva è diventata il simbolo delle tante scienziate, il cui contributo alla scienza è stato ingiustamente dimenticato. Per risarcirla, è partita la campagna "Nobel per Mileva" dedicata a valorizzare la sua figura.

Anche se il Nobel può essere assegnato solo a persone viventi, la campagna, sostenuta da "Inspiringirls", ha un alto valore simbolico nel ricordare tutte le donne ingiustamente ignorate dalla storia.

Per approfondire: “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie”, Ledizioni, Milano 2023.

Nell’immagine in alto, un momento della mia conferenza a Palazzo Ducale di Genova - 11 novembre 2023.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

empty alt

Chien-Shiung Wu e la scoperta del “principio di parità”

Fino alla metà del Novecento, i fisici erano convinti che nell’universo si “conservasse la...
empty alt

Gli orti di Polignano a Mare. Tradizioni, semi e agrobiodiversità

Venerdì, 26 luglio, a partire dalle ore 18:30, il Comune di Polignano a Mare ospiterà nella Sala...
empty alt

Autonomia differenziata, l’impietosa analisi di Stefano Fassina

Perché l’autonomia differenziata fa male anche al Nord, di Stefano Fassina - Castelvecchi...
empty alt

Presidenza Cdc: “Legge Nordio lede i principi dello Stato di diritto”

Continuano le prese di posizione contro il disegno di legge proposto dal Guardasigilli, Carlo...
empty alt

Gonnella (Antigone): “Il ddl sicurezza stravolge il sistema penitenziario”

“Nei prossimi giorni potrebbe arrivare in aula, alla Camera dei Deputati, il ddl sicurezza, una...
empty alt

Stagione Lirica di Padova al via con la Nona Sinfonia di Beethoven

«Abbracciatevi, moltitudini! Questo bacio vada al mondo intero!». Un messaggio universale di...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top