Giornale on-line fondato nel 2004

Martedì, 23 Lug 2024

di Adriana Spera

Chi sperava che la legge di conversione del decreto cosiddetto “anticrisi” avrebbe attenuato gli effetti nefasti sulla busta paga dei pubblici dipendenti è rimasto fortemente deluso.

Anzi, il provvedimento, licenziato a colpi di fiducia dal Senato lo scorso giovedì, è diventato ancor più penalizzante.

Infatti,  i senatori del Pdl e della Lega Nord hanno innanzitutto ribadito, approvando il maxiemendamento del governo, che per il triennio 2011-2013 “il trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti, anche di qualifica dirigenziale, ivi compreso il trattamento accessorio...in ogni caso non può superare il trattamento ordinariamente spettante per l’anno 2010, al netto degli effetti derivanti da eventi straordinari della dinamica retributiva, ivi incluse le variazioni dipendenti da eventuali arretrati, conseguimento di funzioni diverse in corso d’anno (il 2010, ndr) per progressioni di carriera comunque denominate, maternità, malattia, missioni svolte all’estero, effettiva presenza in servizio”.

E’ stato altresì confermato il blocco della contrattazione nazionale dal 2011 al 2013, senza alcuna possibilità di recupero futuro di quanto sottratto e che “per il personale contrattualizzato le progressioni di carriera comunque denominate e i passaggi tra le aree eventualmente disposte negli anni 2011, 2012 e 2013” avranno effetti per i predetti anni ai soli fini giuridici.

E’ auspicabile che gli enti nei quattro mesi mancanti alla fine dell’anno attivino rapide procedure per concludere le selezioni interne sia per progressioni di livello che economiche, al fine di ridurre i gravi danni per il personale. Ma le dolenti note sono molto parzialmente attenuate dalla decisione presa dalla Funzione Pubblica con una circolare apparsa in Gazzetta giovedì scorso, con la quale Brunetta è stato costretto a rinviare al 2014 l’aberrante norma, contenuta nel decreto legislativo n. 150/2009, in base alla quale dal 2011 il 25% del personale avrebbe avuto una quota doppia di salario accessorio; l’altro 50%  avrebbe continuato a prendere quanto percepito fino a oggi e il restante 25% si sarebbe visto azzerare il compenso, che incide in media per circa il 30% sul totale stipendiale.

Il rinvio è stato adottato obtorto collo da Brunetta in quanto a stabilire l’ammontare delle risorse  da destinare al salario accessorio devono essere i nuovi contratti, che, come detto, sono stati bloccati fino al 31 dicembre 2013.

empty alt

Cantieri Pnrr aperti e definanziati: quale sarà la loro fine?

L’ultimo bollettino economico di Bankitalia contiene una interessante ricognizione sullo stato di...
empty alt

Gianluigi Albano, giovane ricercatore di UniPI, vince il Premio EYCA 2024

Importante riconoscimento a livello europeo per un giovane ricercatore del Dipartimento di Chimica e...
empty alt

Distrofia Muscolare di Duchenne, nuova strategia per il trattamento

Una nuova strategia per il trattamento della Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD) basata sugli...
empty alt

“Era mio figlio”: film tormentato sui rimpianti e sulla difficoltà di lasciar andare

Era mio figlio, regia di Savi Gabizon, Diane Kruger (Alice), Richard Gere (Daniel Bloch),...
empty alt

Lavoratore disabile, licenziamento illegittimo senza rispetto iter normativo

Con ordinanza n. 18094/2024, la Cassazione - sezione Lavoro –, contrariamente a quanto deciso dal...
empty alt

Gli orti di Polignano a Mare. Tradizioni, semi e agrobiodiversità

Venerdì, 26 luglio, a partire dalle ore 18:30, il Comune di Polignano a Mare ospiterà nella Sala...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top