Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 21 Apr 2024

Chi tende a sottovalutare quanto la psicologia pesi nei processi inflazionistici si sorprenderà a leggere una interessante analisi diffusa dal Fondo Monetario Internazionale (Fmi) che mostra la relazione esistente fra la credibilità di una banca centrale, che dipende dal suo grado di indipendenza dal governo, e gli andamenti inflazionistici. In sostanza, più una banca viene ritenuta capace di pensare (e agire) con la sua testa, tanto più è efficace nel controllo del livello dei prezzi.

Tale conclusione è l’esito di una ricerca che ha coinvolto una dozzina di banche centrali, in un arco temporale fra il 2007 e il 2021. Ma il risultato è coerente con quello osservato in un altro studio che ha analizzato le decisioni di 17 banche centrali dell’America Latina nell’ultimo secolo. Anche qui è stato riscontrato che una maggiore indipendenza viene associata a migliori risultati nella lotta all’inflazione.

Senza nulla togliere alla qualità del lavoro svolto dagli economisti del Fmi, basta conoscere un po’ la storia del central banking, alla quale ho accennato nella mia Storia della ricchezza, per capire perché l’indipendenza della banca centrale sia più efficace nella lotta all’inflazione. La nascita stessa di questa entità fu la risposta di alcuni ceti al disordine monetario provocato dai governi sovrani, che per lunghi secoli aveva prodotto un notevole caos.

La voracità fiscale dei governi, costante nella storia, è uno dei fattori che contribuisce a generare pulsioni inflazionistiche. E sapere che esiste un soggetto capace di frenare certi appetiti, proprio perché il governo non può controllarlo, è appunto un’ottima panacea per riportare la tranquillità nel mondo della moneta.

Chiaramente questa è una rappresentazione scolastica. Nella realtà, il legame fra un governo e la sua banca centrale non è mai così netto. E anche la nostra Bce, che pure non ha un tesoro alle spalle, dove tenere conto delle banche centrali che la governano che invece un tesoro alle spalle ce l’hanno.

Perciò è così importante la percezione dell’indipendenza, assai più che l’indipendenza in senso tecnico. Quest’ultima è sufficiente venga codificata nei trattati, ma non è che le banche centrali la rivendichino a ogni pie’ sospinto. Sembrerebbe una forma di debolezza. Ciò che devono fare è esercitarla nelle loro decisioni dando l’idea che si stanno comportando nel migliore dei modi possibili per onorare il loro mandato.

Ecco perché i tassi sono saliti così rapidamente, malgrado le lamentele dei governi. Magari l’inflazione sarebbe diminuita lo stesso, ma avere banche centrali che hanno fatto ciò che era necessario per difendere la percezione che ciò che facevano lo fosse davvero ha sicuramente aiutato. L’inflazione non è solo una media ponderata dell’aumento dei prezzi. E’ anche uno stato del pensiero. Quindi, si combatte anche col pensiero. Meglio se libero.

Maurizio Sgroi
giornalista socioeconomico
autore del libro “La storia della ricchezza”
Twitter @maitre_a_panZer
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top