Giornale on-line fondato nel 2004

Giovedì, 23 Mag 2024

Killers of the flower moon è un film del 2023, diretto da Martin Scorsese. Il film più atteso dell’anno, con protagonisti Leonardo Di Caprio, Robert De Niro, Lily Gladston e Jesse Plemons, è l’adattamento cinematografico del saggio Gli assassini della terra rossa, scritto da David Grann e, a sua volta, tratto da fatti realmente accaduti.

A Fairfax, in Oklaoma, negli anni Venti, i membri della Nazione Osage scoprono che sotto la terra in loro possesso si cela moltissimo petrolio e questa scoperta li rende presto il popolo più ricco del mondo.

La loro ricchezza, naturalmente, diventa oggetto di brama di molti e tra questi c’è il latifondista William K. Hale (Robert De Niro), il quale ospita il nipote Earnest Burkhart (Leonardo Di Caprio) reduce della Grande Guerra.

William studia un piano per appropriarsi del patrimonio degli Osage e spinge Earnest a sposare la nativa- americana Mollie. Gli Osage, nel frattempo, iniziano ad ammalarsi e a morire misteriosamente, uno dietro l’altro, anche nella famiglia di Molly.

Earnest è davvero innamorato della giovane donna ma, nonostante ciò, contribuisce a spezzare il destino degli Indiani Osage che, come fiori giunti al massimo della loro fortuna e bellezza, vengono soppiantati dai bianchi arrivati in quei territori per sopraffarli. A questo fa riferimento il titolo che riprende una vecchia storia degli Osage che Earnest legge nel corso del film, una metafora che ci racconta del peccato originale degli Stati Uniti e dell’avidità e della prepotenza con cui i pionieri si autoassolvono raccontandosi un mare di bugie.

Ancora una volta Scorsese, anche sceneggiatore del film insieme a Eric Roth, ci racconta della totale mancanza di etica e dell’agghiacciante spietatezza dell’uomo che sfocia in comportamenti criminali: dopo il gangsterismo, la mafia, i crimini d’alta finanza, il regista arriva a raccontarci dell’annientamento di un’intera tribù da parte di uomini senza scrupoli, che giustificano i loro comportamenti semplicemente razionalizzandoli come “affari”.

Il best seller da cui è ispirato il film ha un’impronta più investigativa, del resto si tratta del primo maggiore caso risolto dall’FBI, e il protagonista è infatti il detective Tom White (nel film, Jesse Plemons); Scorsese, invece, sceglie il punto di vista di Earnest, un uomo ignorante e completamente inconsapevole del male che provoca alla moglie, una moglie che ama “quanto i suoi soldi”. È proprio questo il problema e il motivo per cui si affida ciecamente allo zio, il quale, sulla base di un senso di innata superiorità, ritiene inevitabile l’eliminazione della tribù Osage.

La pellicola si libera, dunque, della detection e piuttosto si interroga sulle dinamiche che si celano dietro scelte malvagie e, soprattutto, sul senso di impunità e di autolegittimazione sul quale il sistema nordamericano è costruito.

Scorsese scava nel lato oscuro dell’animo umano, lo sa fare bene, per ricostruire minuziosamente un dramma ed entrare nel cuore di un’America crudele, in cui è il denaro il motore di ogni scelta. Ancora una volta il grande regista ci mostra il volto più nero e più violento della storia americana e, con la colonna sonora del suo collaboratore storico, Robbie Robertson (purtroppo recentemente scomparso) e le interpretazioni magistrali dei protagonisti, che non deludono neanche per un secondo, ci regala un cinema puro, classico, imponente.

Tre ore e mezzo di film sono impegnative ma di certo necessarie per rendere giustizia e omaggio agli Osage, morti per mano nemica, fino all’ultimo ignari di aver accolto in casa i loro stessi assassini.

Anna Sofia Caira
critica cinematografica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Bandiere blu, riconoscimento a “piscine costiere” ma non all’ecosistema marino

L’assegnazione delle Bandiere blu viene riportata, con la gioia dei sindaci che se ne vantano,...
empty alt

Eva Widdowson-Crane, protagonista della Giornata internazionale delle api

Nel mondo esistono oltre 20000 specie di api, molte delle quali a rischio di estinzione. Il 20...
empty alt

“Il caso Goldman” di Cédric Kahn, film politico-giudiziario tratto da una storia vera

Il caso Goldman di Cédric Kahn, con Arieh Worthalter (Pierre Goldman), Arturo Harari (Avvocato...
empty alt

Alle Europee caccia agli scoraggiati per vincere

Il gradimento elettorale dei partiti viene normalmente misurato in termini percentuali, un numero...
empty alt

Garante privacy: il datore di lavoro non può negare al dipendente l’accesso ai propri dati

Il lavoratore ha sempre diritto di accedere ai propri dati conservati dal datore di lavoro, a...
empty alt

Un faccia a faccia sbagliato, che non si farà. Ma il danno è stato fatto

Ho sempre pensato, fin dalla sua vittoria a sorpresa nelle primarie che l'hanno eletta...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top