Giornale on-line fondato nel 2004

Lunedì, 22 Lug 2024

Perfect days, regia di Wim Wenders, con Kôji Yakusho, Tokio Emoto, Arisa Nakano, Aoi Yamada, Yumi Asô, Sayuri Ishikawa, Tomokazu Miura, Min Tanaka; Sceneggiatura: Takuma Takasaki, Wim Wenders; Fotografia: Franz Lustig; Montaggio: Toni Froschhammer; Genere: Drammatico; Giappone, Germania, 2023; Durata: 123’; Distribuito da Lucky Red; nelle sale dal 4 gennaio 2024; Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13.

Recensione di Anna Sofia Caira

Perfect days è un film del 2023, diretto da Wim Wenders, anche sceneggiatore insieme a Takuma Takasaki. Premiato al Festival di Cannes, la pellicola è uno squarcio sulla vita di Hirayama, una vita semplice scandita da una routine che si ripete tutti i giorni sempre uguale.

Hirayama è un addetto alle pulizie dei bagni pubblici di Tokio e si sveglia ogni mattina con il sorriso alle prime luci dell’alba. Si prende cura delle sue piantine, si dedica con maniacale dedizione al suo lavoro, riserva il suo tempo lettura e alla scelta della canzone dallo stesso repertorio rock anni 70, che ascolta mentre va o ritorna da lavoro.

Con la sua macchina fotografica analogica immortala sempre lo stesso albero, colleziona le musicassette e non sa cos’è Spotify. Abita in un mondo che non è lo stesso mondo che abitano gli altri; tuttavia, è profondamente rispettoso nei confronti delle vite che incrocia lungo il suo percorso. Per Hirajama esiste solo adesso e tutte i piccoli miracoli che sfuggono al nostro sguardo sempre troppo distratto.

Ogni giorno, seppur sempre uguale, riserva delle sorprese e incontri inaspettati che Hirajama accoglie con immensa gratitudine. C’è bellezza in ogni cosa e c’è sempre qualcosa di cui essere grato prima di andare a dormire, qualcosa su cui fermarsi a pensare per assicurarsi dei bei sogni.

Wim Wenders realizza un film meraviglioso, improntandolo quasi come fosse un documentario sulla vita del protagonista, in tutta la sua semplicità. Una semplicità che non annoia ma piuttosto ti ipnotizza e spinge a una profonda riflessione. Una riflessione sulla solitudine, ma anche sulla pace interiore che può donarti solo la sintonia con te stesso e con la natura.

Hiramaya ringrazia gli alberi con un cenno del capo, alla fine di ogni pausa pranzo, e osserva un senzatetto imitarne la forma e l’oscillazione per strada. Sorride alla pioggia e al cielo sereno e ogni giorno è il suo giorno perfetto. Non è un uomo loquace; eppure, attira a sé l’amore e il rispetto di chi lo conosce.

Perfect Days è un film da vedere al cinema: edificante e commovente, regala un messaggio pieno di speranza sulle benedizioni quotidiane che se riuscissimo a notare, ogni giorno sarebbe il nostro giorno perfetto.

Anna Sofia Caira
critica cinematografica
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Gianluigi Albano, giovane ricercatore di UniPI, vince il Premio EYCA 2024

Importante riconoscimento a livello europeo per un giovane ricercatore del Dipartimento di Chimica e...
empty alt

Distrofia Muscolare di Duchenne, nuova strategia per il trattamento

Una nuova strategia per il trattamento della Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD) basata sugli...
empty alt

“Era mio figlio”: film tormentato sui rimpianti e sulla difficoltà di lasciar andare

Era mio figlio, regia di Savi Gabizon, Diane Kruger (Alice), Richard Gere (Daniel Bloch),...
empty alt

Lavoratore disabile, licenziamento illegittimo senza rispetto iter normativo

Con ordinanza n. 18094/2024, la Cassazione - sezione Lavoro –, contrariamente a quanto deciso dal...
empty alt

Chien-Shiung Wu e la scoperta del “principio di parità”

Fino alla metà del Novecento, i fisici erano convinti che nell’universo si “conservasse la...
empty alt

In Cina si consuma poco e si produce tanto. Crescita in frenata

Gli ultimi dati sul pil cinese, che continua a rallentare, confermano laddove fosse necessario che...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top