Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Il 4 marzo scorso, Il Fatto Quotidiano ha pubblicato una lettera indirizzata al presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, con la quale i parenti di alcuni suicidi chiedono che nelle statistiche sui suicidi curate dall’ente sia reinserita, come accadeva fino al 2009, la voce relativa al movente, attesa la sua rilevanza per quantificare il numero dei suicidi stessi causati da malattia, un dato diventato di assoluta importanza anche perché è cominciata la discussione parlamentare sulla legalizzazione dell’eutanasia.

Una richiesta, in definitiva, analoga a quella che noi del Foglietto rivolgiamo all’ente di via Balbo ormai da quasi un lustro [1, 2, 3], da quando cioè, in perfetta solitudine, lanciammo l’allarme che l’Istat aveva soppresso l’indagine sui suicidi di fonte giudiziaria, avvertendo su tutto ciò che questo avrebbe comportato in termini di tempestività di diffusione dei dati e di contenuti, poiché sarebbero finiti nell’oblio i tentativi di suicidio e alcuni caratteri descrittivi, come la condizione professionale della vittima.

Con l’acuirsi della crisi economica, divenuta quasi subito anche un moltiplicatore di suicidi, tornammo sull’argomento, denunciando ancora una volta il grave errore della statistica ufficiale che, affidandosi solo alle statistiche sanitarie, stava abdicando al suo ruolo, laddove avrebbe dovuto, invece, ripristinare la rilevazione di fonte giudiziaria, dai costi peraltro contenuti, stante che le informazioni venivano trasmesse direttamente dagli organi di polizia giudiziaria.

Da ultimo, sul finire dell’anno appena trascorso, dedicammo a questa problematica ancora un altro articolo, allorché ritenemmo giusto raccogliere, dandole l’eco che meritava, la severa rampogna di Papa Francesco, che ebbe pubblicamente a dolersi del fatto che, grazie a qualche ignoto escamotage, non venissero rese note le statistiche dei suicidi giovanili, ponendo, da parte nostra, l’accento sul fatto che non erano però solo i suicidi dei giovani ad essere stati cancellati dalle indagini dell’Istat ma, in generale, tutti i suicidi.

Anche in quel caso, di fronte all’ennesima denuncia del perpetuarsi dell’inspiegabile vuoto informativo, dall’Istat non venne alcuna risposta.

Il tema è ora tornato prepotentemente alla ribalta. Che dire!?!

In tempi così divisivi (tanto per usare un termine alla moda), forse solo all’Istat poteva riuscire il miracolo di dar vita a uno schieramento così vasto e compatto. Ora che queste statistiche le vorrebbero proprio tutti, vediamo quali scelte faranno i “magistrati del dato” di via Balbo. Dai quali, peraltro, finora non è venuta nessuna spiegazione dei motivi che a suo tempo ebbero a determinare la soppressione di una rilevazione tanto importante quanto poco costosa, che forniva dati ora reclamati anche dal Parlamento per assumere meglio le proprie decisioni.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top