Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Ingv logo 400X400 quaterLa corsa per la presidenza dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) è ormai al rush finale. Il 9 marzo, infatti, è scaduto il termine per la presentazione delle candidature e ora il Comitato ministeriale di selezione, coordinato da Lamberto Maffei, professore emerito di Neurobiologia presso la Scuola Normale di Pisa e Vice Presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei, si appresta a comunicare al Miur una rosa di cinque nomi, ritenuti idonei a ricoprire l’incarico, tra i quali la ministra Stefania Giannini, che ha la vigilanza sull'ente, sceglierà il successore di Stefano Gresta.

Quella che inizierà fra quattro giorni, dunque, sarà una settimana di passione per i quindici candidati che ambiscono ad occupare per il prossimo quadriennio la prestigiosa poltrona in via di Vigna Murata, atteso che la fumata bianca dovrebbe arrivare dal Miur al massimo entro venerdì 25, antivigilia della Santa Pasqua e vigilia del fine mandato di Gresta. In caso contrario, scatterebbe l’istituto della prorogatio per l’attuale organo di vertice, che però potrebbe svolgere solo attività di ordinaria amministrazione e per non più di 45 giorni. Tale istituto (una vera iattura), però, fino ad oggi non è mai stato azionato dalla ministra Giannini.

Risulta al Foglietto che sui carboni ardenti, in attesa di verdetto, ci sono 6 professori ordinari in forza ad altrettanti Atenei (Roma, Pisa, Napoli, Palermo, Bologna e Catania), 8 dirigenti di ricerca dell’Ingv e un geologo del petrolio.

E’ opinione assai diffusa tra gli addetti ai lavori che, alla luce degli avvenimenti che hanno caratterizzato la vita dell’ente in questi ultimi anni, la scelta della ministra molto probabilmente sarà di discontinuità rispetto al recente passato.

Appare davvero difficile pensare che la Giannini non terrà in debita considerazione quello che è oggi l’Ingv rispetto a cinque anni fa, quando c’è stata l’uscita di scena per fine mandato di Enzo Boschi, padre fondatore di un Istituto che non era solo “... un ente coeso e maturo con una spiccata capacità operativa ...”, come aveva osservato la Corte dei conti in una lusinghiera Relazione al Parlamento datata 2009, ma anche un centro di ricerca d’eccellenza, che batteva regolarmente i “cugini” del Cnr e di altri enti minori per produttività e innovazione.

Ora, invece, l’ente è tutt’altro che coeso, come documentato dai nostri tanti articoli, e la produzione scientifica registra un preoccupante calo, che Il Foglietto ha evidenziato in un editoriale del 28 gennaio 2016.

Staremo a vedere e non mancheremo di commentare quelle che saranno le scelte della ministra dell'istruzione, dell'università e della ricerca.

redazione@ ilfoglietto.it

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top