Giornale on-line fondato nel 2004

Lunedì, 26 Feb 2024

Il ministro dell’Agricoltura, della sovranità alimentare e delle foreste (Misaf), Francesco Lollobrigida, ha annunciato che ha presentato alla Commissione Agricoltura e Pesca dell’Unione Europea, un documento in cui l’Italia chiede la revisione della direttiva “Habitat” per togliere la protezione ai grandi carnivori e dare agli agricoltori la licenza di poterli uccidere. Tutto ciò, per il ministro, cognato del presidente Meloni, è “per agire nella protezione dell’ambiente senza pregiudiziali ideologiche ma solo basandosi su oggettivi dati scientifici».

I dati scientifici sarebbero che i lupi sono cresciuti di numero in Italia e la filosofia stravagante cui si appella è che «L’agricoltore è un bioregolatore. Il suo ruolo come custode del territorio e come regolatore della biodiversità deve essere riconosciuto».

Lo scienziato del ministero ci informa che il documento è stato fatto sottoscrivere da Francia, Austria, Polonia, Romania, Grecia, Finlandia e Lettonia «è stato appoggiato dalla ampia maggioranza dei ministri europei in sede di discussione” per cui «la nostra Nazione torna protagonista in Unione Europea».

Lollobrigida ha poi rivelato che l'obiettivo è il lupo cattivo.

«L’uomo deve aiutare le specie in estinzione a sopravvivere – ha detto – ma, con la stessa determinazione, deve valutare e intervenire per ridurre il sovrappopolamento di alcune specie, per garantire equilibrio nella stessa specie ma anche per tutte le altre, uomo compreso, nelle attività che gli sono proprie. Proprio per questo va rivista la posizione europea sui grandi carnivori, lupo compreso, alla luce della presenza attuale divenuta eccessiva in molte aree del continente. Riteniamo quindi che occorra affrontare con urgenza le sfide legate alla presenza degli animali selvatici, rivedendo e aggiornando l’attuale quadro normativo sullo status di protezione dei lupi».

Capito? Il ministro parla di Grandi Carnivori e non solo di lupi, quindi anche degli orsi!

Colui che ha ucciso l’orsa Amarena potrebbe divenire un esempio legalizzato, un “regolatore della biodiversità” da ringraziare e a cui dare una coppa da mettere sul camino.

Al ministro è arrivato subito l’apprezzamento del presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, oramai ispiratore e consigliere di Lollobrigida: «Affrontare a livello europeo il problema dell’invasione delle specie selvatiche è di importanza strategica dal punto di vista sociale, economico ed ambientale».

Per la Coldiretti, ci sarebbe un esodo dalle campagne per colpa dei lupi. Caspita, mi erano sfuggiti forse per distrazione, i campi profughi e le folle di rifugiati che scappano dai lupi!

Per quanto mi riguarda, non un solo mio centesimo va ad acquisti dell’area Coldiretti e invito tutti i miei amici a fare altrettanto, fino a quando ci saranno posizioni come questa.

A Lollobrigida, Prandini e ai firmatari della richiesta va - per quanto possa contare - il mio disprezzo politico più profondo.

Giovanni Damiani
Presidente G.U.F.I. - Gruppo Unitario Foreste Italiane
Già Direttore di Anpa e già Direttore tecnico di Arta Abruzzo
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Dispensa dal servizio per motivi di salute, dopo tentativo reimpiego in altro ruolo

Con ordinanza n. 4640/2024, pubblicata lo scorso 21 febbraio, la Corte di cassazione – sezione...
empty alt

Edilizia europea, un freddo inverno per il settore immobiliare

L’ultimo bollettino della Bce conferma ciò che gli osservatori di settore sapevano già per lunga...
empty alt

“Journal of Innate Metabolism”, rivista scientifica tutta dedicata alle Patologie del metabolismo innato

E’ italiana e uscirà a fine del corrente mese la prima rivista al mondo interamente ed...
empty alt

Il "Catalogo stellare di Harvard". Un importante lavoro femminile collettivo

La mappatura del cielo di fine Ottocento fu possibile grazie ai miglioramenti della tecnica...
empty alt

Tumore del pancreas, scoperto il meccanismo di sopravvivenza e progressione

Da un punto di vista biologico, le cellule tumorali sono continuamente sottoposte a stress: il...
empty alt

Medici Isde e Plastic Free in difesa di salute e ambiente per l’eccesso di plastica

L’eccesso di plastica e soprattutto i suoi frammenti non rappresentano oggi solamente un problema...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top