Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 21 Apr 2024

di Biancamaria Gentili

L’annosa e irrisolta questione del riconoscimento, al momento del passaggio nei ruoli degli enti pubblici, delle anzianità maturate con contratti a tempo determinato ha registrato, di recente, una novità che  sembra riaccendere le speranze di migliaia di lavoratori ex precari. Daniela Paliaga, Giudice del Lavoro presso il Tribunale di Torino, con sentenza n. 4148/09, ha accolto il ricorso di una lavoratrice che,  assunta a tempo indeterminato in un ente di ricerca a seguito di concorso pubblico, si era vista azzerare tutta l’anzianità di servizio accumulata con i contratti a termine in precedenza avuti con il medesimo ente.

L’amministrazione, che per alcuni mesi aveva riconosciuto le anzianità pregresse alla dipendente, anche perché l’aveva espressamente previsto nel contratto di lavoro a tempo indeterminato, si è difesa in giudizio sostenendo che l’inopinata marcia indietro era stata determinata dalla circolare n. 5/2008 del Dipartimento della Funzione Pubblica che, in materia di stabilizzazioni, specificava che “la durata del precedente contratto a tempo determinato è da considerare utile solo come requisito di accesso alla procedura speciale e riservata alla stabilizzazione...l’assunzione a tempo indeterminato, quale momento conclusivo della relativa procedura, avviene, come tutte le nuove assunzioni, nella qualifica indicata dal bando e nella fascia retributiva iniziale...ed è priva di continuità rispetto al precedente rapporto, con la conseguenza che il periodo non di ruolo non è utile neppure ai fini dell’anzianità di servizio”. Per il Giudice, tutte le disposizioni legislative  e regolamentari che negano il riconoscimento delle anzianità maturate con i contratti a termine violano la direttiva 1999/70 del Consiglio dell’Unione Europea, così come interpretata dalla Corte di Giustizia delle Comunità Europee in numerose sentenze, da ultimo quella emessa il 13 settembre 2007 nel procedimento C-307/05 (Del Cerro Alonso). La decisione del Tribunale di Torino ora, con ogni probabilità, passerà al vaglio della Corte d’Appello e, a seguire, della Cassazione. Si tratta di un contenzioso “pilota” che i tanti lavoratori interessati faranno bene a tenere d’occhio, senza dimenticare, nel frattempo, di mettere in atto idonee iniziative per evitare che alle loro future istanze possa essere eccepita l’intervenuta prescrizione che, come noto, si materializza dopo 5 anni di inerzia.

 

Da Il Foglietto di Usi/RdB n. 43 del  9 dicembre 2009

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top