Giornale on-line fondato nel 2004

Lunedì, 26 Feb 2024

di Adriana Spera

Il decreto legislativo n. 150 del 2009 sembra aver scompaginato le legittime aspettative di tanti lavoratori degli enti di ricerca

che, forti delle disposizioni contenute nei contratti nazionali, in particolare nell’ultimo relativo al quadriennio 2006-2009, aspiravano a partecipare a selezioni interne per ll passaggio dal livello rivestito a quello superiore ma del medesimo profilo (come nel caso di tecnologi e ricercatori) oppure al livello superiore ma di profilo diverso (come previsto dagli articoli 3 e 23 dell’ultimo ccnl).

L’articolo 3, infatti, consentirebbe una tantum l’espletamento di procedure selettive interne per consentire la progressione di livello e di profilo superiore a tecnici e amministrativi nei limiti del 50% dei posti disponibili in organico.

L’articolo 23, invece, sempre una tantum permetterebbe l’accesso al profilo di ricercatore o di tecnologo al personale tecnico e/o amministrativo “appartenente al profilo immediatamente inferiore in possesso di tutti i requisiti richiesti per l’acesso dall’esterno...”.

L’applicazione di tali norme, dal contenuto inequivocabile, sembrano ora messe in forte dubbio dal d.lgs. 150 (meglio noto come decreto Brunetta), pubblicato in G.U. il 31 ottobre 2009 e entrato in vigore il 15 novembre successivo.

L’articolo 24 del detto decreto, stabilisce che, in materia di progressione di carriera, “le amministrazioni pubbliche, a decorrere dal 1° gennaio 2010, coprono i posti disponibili nella dotazione organica attraverso concorsi pubblici, con riserva non superiore al cinquanta per cento a favore del personale interno, nel rispetto delle disposizioni vigenti in materia di assunzioni”.

Appare logico ipotizzare che per progressione di carriera debba intendersi il passaggio di area e non, almeno per tecnici e amministrativi, la progressione di livello all’interno dello stesso profilo.

Ne consegue che, mentre i concorsi ex articolo 53 e 54 (sempre per tecnici e amministrativi) non corrono alcun rischio, seriamente in pericolo sono invece quelli una tantum ex articoli 3 e 23.

Parimenti a rischio sono le progressioni interne per ricercatori e tecnologi (ex articoli 64 e 15), che pur essendo semplici progressioni di livello all’interno dello stesso profilo, ad avviso delle Sezioni Unite della Cassazione rappresentano invece un passaggio di area.

Una situazione davvero complessa che, è auspicabile, la Funzione Pubblica chiarisca al più presto, per evitare danni irreversibili a tanti lavoratori.

empty alt

Dispensa dal servizio per motivi di salute, dopo tentativo reimpiego in altro ruolo

Con ordinanza n. 4640/2024, pubblicata lo scorso 21 febbraio, la Corte di cassazione – sezione...
empty alt

Edilizia europea, un freddo inverno per il settore immobiliare

L’ultimo bollettino della Bce conferma ciò che gli osservatori di settore sapevano già per lunga...
empty alt

“Journal of Innate Metabolism”, rivista scientifica tutta dedicata alle Patologie del metabolismo innato

E’ italiana e uscirà a fine del corrente mese la prima rivista al mondo interamente ed...
empty alt

Il "Catalogo stellare di Harvard". Un importante lavoro femminile collettivo

La mappatura del cielo di fine Ottocento fu possibile grazie ai miglioramenti della tecnica...
empty alt

Tumore del pancreas, scoperto il meccanismo di sopravvivenza e progressione

Da un punto di vista biologico, le cellule tumorali sono continuamente sottoposte a stress: il...
empty alt

Medici Isde e Plastic Free in difesa di salute e ambiente per l’eccesso di plastica

L’eccesso di plastica e soprattutto i suoi frammenti non rappresentano oggi solamente un problema...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top