Giornale on-line fondato nel 2004

Lunedì, 26 Feb 2024

Preannunciata da tempo, ora, nell’anno del 90° compleanno, l’Istat - il cui nuovo cda si è insediato da poco - si appresta a ”modernizzarsi”.

Ancora una volta, il presidente di turno ha dichiarato di procedere alla riorganizzazione raccogliendo la sfida proveniente dai cambiamenti in atto nella società. Come dire: ”tempora mutantur et nos mutamur in illis”.

Al centro di questo restyling, che si preannuncia assai corposo, c’è soprattutto la trasformazione del ciclo di produzione dell’informazione statistica. Finirà così il sistema sinora in auge delle direzioni-monadi senza finestre, vale a dire ciascuna all’inseguimento dei propri progetti, con poco dialogo con le altre direzioni.

A certificare la fine di tutto questo, la riforma pone l’accento anche sul rafforzamento della governance, sinora indebolita dalla frammentazione del sistema, anche se desta qualche perplessità, se non abbiamo capito male, la soluzione di allocare una direzione alle dipendenze del presidente dell'ente.

Di certo, la nuova organizzazione - che potrebbe essere approvata questa mattina dal cda - si prefigura decisamente più snella della precedente, quella dell’era Giovannini, quando circolava la battuta, chiaramente un’iperbole, che all’Istat una direzione non si negava a nessuno.

Stando al documento, la Direzione generale, oltre le tradizionali e  consuete funzioni di supporto giuridico-amministrativo, viene chiamata a una diretta responsabilità in tema di formazione, così da promuovere la valorizzazione del capitale umano.

Più in generale, previo cambiamento dell’Atto Organizzativo Generale (AOG1), si prevede la costituzione di due uffici di dirigenza amministrativa di prima fascia, invece di tre; di due dipartimenti, invece di quattro; di nove direzioni centrali, invece di dieci. Agli uffici dirigenziali di seconda fascia (i servizi, per intenderci), si provvederà con successivo provvedimento, ma anche qui è prevista una riduzione di posizioni organiche, anche per lasciare spazio a strutture temporanee di progetto, da mettere in campo alla bisogna.

A chi cerca informazioni di dettaglio non resta che leggere il documento reso pubblico nei giorni scorsi dal presidente Giorgio Alleva.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Dispensa dal servizio per motivi di salute, dopo tentativo reimpiego in altro ruolo

Con ordinanza n. 4640/2024, pubblicata lo scorso 21 febbraio, la Corte di cassazione – sezione...
empty alt

Edilizia europea, un freddo inverno per il settore immobiliare

L’ultimo bollettino della Bce conferma ciò che gli osservatori di settore sapevano già per lunga...
empty alt

“Journal of Innate Metabolism”, rivista scientifica tutta dedicata alle Patologie del metabolismo innato

E’ italiana e uscirà a fine del corrente mese la prima rivista al mondo interamente ed...
empty alt

Il "Catalogo stellare di Harvard". Un importante lavoro femminile collettivo

La mappatura del cielo di fine Ottocento fu possibile grazie ai miglioramenti della tecnica...
empty alt

Tumore del pancreas, scoperto il meccanismo di sopravvivenza e progressione

Da un punto di vista biologico, le cellule tumorali sono continuamente sottoposte a stress: il...
empty alt

Medici Isde e Plastic Free in difesa di salute e ambiente per l’eccesso di plastica

L’eccesso di plastica e soprattutto i suoi frammenti non rappresentano oggi solamente un problema...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top