Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 21 Apr 2024

Ignoranza, insensibilità, stupidità, supponenza, inadeguatezza… idiozia politica pertinace. La NASA ha pubblicato i risultati delle più recenti misure del cambiamento climatico. Sono in accordo con quelle di tutti gli altri studiosi e ricercatori dell'IPPC (la foto in alto è ripresa dal sito NASA e mostra che l'emisfero nord si riscalda più del resto del pianeta).

Gli scienziati avvertono che il 2022 è stato il più cado dal dal 1880, quando si è iniziato a misurare la temperatura media della Terra. Gli ultimi 9 anni sono stati, in sequenza crescente, tutti i più caldi delle serie storiche dei dati. L’aumento ha toccato l’1,11 °C. e la tendenza sale verticalmente.

E’ in corso una “super-emissione” di metano (che è un gas climalterante decine di volte più potente della CO2, ndr). I tifoni sono sempre più potenti, come LAN, che ha colpito gli USA, e una “mega-siccità” affligge il Sud-Ovest, sempre degli Stati Uniti. In Pakistan, la pioggia ha distrutto quasi per intero la nazione. I mari si alzano di livello, gli incendi furiosi crescono di numero…

Di fronte a questo, compito della politica dovrebbe essere occuparsi della sicurezza delle popolazioni, ma a questo punto meglio sarebbe dire della sopravvivenza di coloro che dicono di rappresentare.

Oramai lo sanno pure le pietre, gli uccellini sugli alberi e le lucertole sui muri che occorre ridurre le emissioni di anidride carbonica e degli altri gas serra e quindi abbandonare il gas, il petrolio, smettere di tagliare alberi da bruciare come biomasse legnose e passare alle rinnovabili pulite. Invece di buttare soldi negli armamenti e nelle opere pubbliche di dubbia utilità, questo dovrebbe essere il programma emergenziale immediato e prioritario.

Invece, da Draghi, con l’ineffabile Cingolani, alla Meloni vogliono farci credere che la transizione ecologica sia continuare col metano e con le trivelle. Lavorano per distruggere il pianeta puntando su gas e petrolio, sapendo che quelli sono le cause della crisi climatica e della estinzione di specie e decessi umani prematuri.

Alla dipendenza energetica dalla Russia vogliono sostituire altre dipendenze altrettanto negative, dall’Algeria, alla Libia, fino al Mediterraneo turco. Tra gasdotti e rigassificatori ci preparano un futuro di morte, programmato per i decenni prossimi, per gli umani e per la natura.

Bonaccini lo dice senza vergognarsene come dovrebbe: è per il gas, i rigassificatori e gli inceneritori; il sindaco di Roma, Gualtieri, suo correligionario (dell’illusione dello sviluppo) vuole bruciare persino i rifiuti, non gli bastano le emissioni da traffico e da riscaldamento. Dovunque ti giri senti di programmi climalteranti persino coi biodigestori anaerobici (vale a dire putrefattori di rifiuti per estrarre un pochino di biogas dalla componente organica, anziché farci un buon compost). Su questi ultimi impianti finalizzati ad alterare il clima anche Lagambiente e WWF non hanno preso le distanze.

Giorgia Meloni dichiara che l’Italia diventerà, grazie a lei, l’hub europeo del gas, ovvero non si limiterà a dare il proprio contributo alla crisi del clima e all'inquinamento, ma diventerà lo Stato spacciatore di materia prima climalterante alle tossicodipendenze statali dell’intera Europa dei 27. Anche questa è una guerra, una china verso l’ignoto distruttivo.

Scrivo per esternare il mio disprezzo politico per queste cose ma anche la delusione per chi continua a seguire questi personaggi, a dargli legittimità mentre andrebbero contestati dagli elettori ogni volta che mostrano le loro tostissime facce.

Chi ha figli e nipoti ha il dovere di impegnarsi. Occorre una rivoluzione e si può imporla solo dal basso: quando si va a votare, ma anche con l’impegno civile.

Un popolo ha la rappresentanza che si merita.

Giovanni Damiani
Già Direttore di Anpa e Direttore tecnico di Arta Abruzzo
facebook.com/giovanni.damiani.980
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

“Università e militarizzazione” ovvero “Il duplice uso della libertà di ricerca”

Università e militarizzazione – Il duplice uso della libertà di ricerca di Michele Lancione – Eris Edizioni...
empty alt

Conti pubblici, tutti i numeri di una emorragia sempre più inarrestabile

Negli ultimi quattro anni, complice anche la sospensione delle regole europee di contenimento...
empty alt

Il futuro del mondo? Sempre più Emergente

Quello che ci aspetta, a dar retta ai pronostici volenterosamente elaborati dai calcolatori del...
empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top