Giornale on-line fondato nel 2004

Mercoledì, 29 Mag 2024

Gli ultimi dati diffusi da Ocse sul commercio internazionale confermano una situazione di debolezza che sembra dar ragione ai tanti che parlano di de-globalizzazione ed altre amenità. La realtà purtroppo è assai più semplice: si commercia meno sia perché si produce meno (le scorte sono diminuite bruscamente e anche la produzione di beni intermedi) sia perché le varie domande aggregate, vuoi per l’inflazione, vuoi per la scarsa fiducia, rimangono deboli, specialmente in Europa e nei paesi asiatici più dinamici. A ciò si aggiungano i costi crescenti del denaro, che scoraggiano il finanziamento del commercio.

Ciò non vuol dire che non ci siano tensioni internazionali, ovviamente. Ma semplicemente che la forza di gravità della globalizzazione è assai più forte di quello che si può credere scorrendo le nostre cronache, che hanno la consistenza temporale di un post social, a fronte di strutture e prassi che sono codificate e rodate dalla storia. Creare o spostare catene di fornitura richiede tempi del tutto incompatibili con le abitudini della nostra quotidianità.

La debolezza del commercio, tuttavia, è un fattore di preoccupazione perché, paradossalmente, alimenta lo scontento che poi trova nella critica alla globalizzazione, ossia al commercio internazionale, il suo ristoro momentaneo. E poiché andiamo incontro a un anno complicato, con elezioni politiche sensibili sia negli Usa che in Europa, allora dovremmo sempre ricordarci di questo modo curioso che ha molta parte dell’opinione pubblica di guardare alla questione delle politiche commerciali.

A livello statistico, Ocse ci informa che ormai dalla metà del 2022 la quota di commercio sul pil globale tende a declinare, vuoi per motivi strutturali – il cambio di costituzione economica in corso in Cina – vuoi per pura circostanzialità. Rimane il fatto che nessuno si aspetta di rivedere i tassi di crescita del commercio dei primi Duemila, almeno fino a quando il mondo non troverà (se lo troverà) un nuovo equilibrio basato su una paziente voglia di cooperare.

E’ proprio su questa vocazione che si cumulano i dubbi. L’aumento delle restrizioni commerciali che Ocse osserva con un certo scoramento testimoniano semmai del contrario. Racconta di un mondo che serra le fila, anziché aprirle.

E i fattori ciclici, che sono numerosi e fonte ognuno di loro di straordinarie complessità, non fanno che aggiungere benzina al fuoco dell’inimicizia fra i paesi.

Chi conosce la storia ricorda con quanta facilità gli anni Trenta del XX secolo condussero alla rovina dell’economia internazionale, con ciò che ne conseguì. Poiché ci avviciniamo ai nostri anni Trenta, faremmo bene a ripassare questa lezione di storia. Non tanto perché la storia si ripeta. Al massimo tendiamo a ripetere sempre gli stessi errori: l’essere umano è una notevole testa dura. Quanto perché rischiamo sempre di far peggio, se non impariamo una volta per tutte a pensar meglio.

Maurizio Sgroi
giornalista socioeconomico
autore del libro “La storia della ricchezza”
Twitter @maitre_a_panZer
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Inflazione. Come la previsione diventa un destino, quando invece è solo una possibilità

Intorno alle 11 del mattino di giovedì 23 maggio, il sito della Bce ha pubblicato il dato...
empty alt

Stigliano, ricco di opere artistiche, leggende, monacelli benevoli

La chiesa convento di Sant’Antonio, patrono di Stigliano, 6.000 abitanti, 900 metri di altitudine, si erge su...
empty alt

“Eileen”, opera completa che esplora la prigione esistenziale di una donna

Eileen, regia di William Oldroyd, tratto dall’omonimo romanzo di Ottessa Moshfegh, con Thomasin...
empty alt

Ricerca UniMi, Bicocca, Eos: microplastiche nei contenitori alimentari riscaldati al microonde

Uno studio, condotto dall’Università degli Studi di Milano, in collaborazione con l’azienda Eos e...
empty alt

Assunzioni nella P.A.: scorrimento graduatorie o nuovo bando? Il decalogo del Consiglio di Stato

Il Consiglio di Stato, organo supremo della giustizia amministrativa, con sentenza n.3855/2024,...
empty alt

Carcinoma anaplastico della tiroide, nuova possibile terapia

Il carcinoma anaplastico della tiroide è uno dei tumori più aggressivi, senza terapia efficace e...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top