Giornale on-line fondato nel 2004

Lunedì, 22 Lug 2024

(Tar Sardegna, sez. II, sentenza n. 1253 del 9 luglio 2009)

Secondo la sezione II^ del Tar Sardegna (sentenza n. 1253 del 9 luglio 2009), è illegittimo il provvedimento con il quale la P. A. ha dichiarato un concorrente decaduto dalla graduatoria dei vincitori di un concorso pubblico perché ha falsamente dichiarato di possedere un titolo di preferenza in realtà inesistente. Nella specie, l'interessato aveva dichiarato di avere due figli, piuttosto che uno. In materia di pubblici concorsi, in forza di quanto previsto dall'art. 75 del Dpr n. 445/2000, ed in assenza di specifica prescrizione della lex specialis, l'indicazione da parte di un concorrente di un titolo di preferenza non posseduto non comporta, in via automatica e vincolata, la decadenza dalla graduatoria, ma, piuttosto, la decadenza dal beneficio attribuito dal titolo medesimo.

empty alt

Gianluigi Albano, giovane ricercatore di UniPI, vince il Premio EYCA 2024

Importante riconoscimento a livello europeo per un giovane ricercatore del Dipartimento di Chimica e...
empty alt

Distrofia Muscolare di Duchenne, nuova strategia per il trattamento

Una nuova strategia per il trattamento della Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD) basata sugli...
empty alt

“Era mio figlio”: film tormentato sui rimpianti e sulla difficoltà di lasciar andare

Era mio figlio, regia di Savi Gabizon, Diane Kruger (Alice), Richard Gere (Daniel Bloch),...
empty alt

Lavoratore disabile, licenziamento illegittimo senza rispetto iter normativo

Con ordinanza n. 18094/2024, la Cassazione - sezione Lavoro –, contrariamente a quanto deciso dal...
empty alt

Chien-Shiung Wu e la scoperta del “principio di parità”

Fino alla metà del Novecento, i fisici erano convinti che nell’universo si “conservasse la...
empty alt

In Cina si consuma poco e si produce tanto. Crescita in frenata

Gli ultimi dati sul pil cinese, che continua a rallentare, confermano laddove fosse necessario che...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top