Giornale on-line fondato nel 2004

Giovedì, 23 Mag 2024

corte cassazione 1280x720E’ legittimo il licenziamento intimato dal datore di lavoro nei confronti del dipendente che è incorso in una condanna in sede penale per violenza sessuale ai danni di una minore di età; tale condotta in qualsiasi contesto sia commessa, per quanto di per sé estranea al rapporto di lavoro, è idonea a ledere il vincolo fiduciario a prescindere dal contesto in cui la stessa è stata commessa e dal tempo trascorso dal fatto, a maggior ragione ove l’attività lavorativa svolta ponga il lavoratore a diretto contatto col pubblico.

E’ quanto emerge dall’ordinanza n. 14114/23, pubblicata il 23 maggio 2023, con la quale la Corte di cassazione - sezione Lavoro – ha accolto il ricorso proposto da un’azienda avverso la decisione della Corte d’appello di Ancona che, con sentenza n. 42/2020, nel confermare la sentenza emessa dal Tribunale della medesima città, aveva ritenuto illegittimo il licenziamento, evidenziando che la condotta contestata al dipendente (violenza sessuale a carico di una minorenne) “non era connotata da particolare gravità, tenuto conto del tempo trascorso da quel fatto e dalla mancanza di altre violazioni di legge”. La Corte territoriale ha ritenuto che “tali circostanze deponessero nel senso che si potesse prevedere che il lavoratore non si sarebbe reso nuovamente responsabile di azioni analoghe idonee a ledere il rapporto fiduciario” con il datore di lavoro.

Inoltre, i giudici dell’appello hanno considerato che il fatto addebitato al lavoratore, risalente al oltre tredici anni prima e rimasto isolato, si era realizzato al di fuori dell’attività lavorativa e, dunque, si poteva ritenere che non potesse avere rilievo nello svolgimento di mansioni a contatto con la clientela.

L’azienda datrice di lavoro, non condividendo tali motivazioni, impugnava innanzi alla Corte di cassazione, con tre motivi di ricorso, la predetta ordinanza.

I giudici della Suprema Corte, nell’accogliere il secondo dei tre motivi, con il quale segnatamente l’azienda ricorrente denunciava violazione e falsa applicazione dell’art. 1219 c.c. e degli artt. 54, co. VI, lett. h) e 80, lett. e) del contratto collettivo nazionale di lavoro (ccnl) di categoria, affermava, tra l’altro, che “Una violenza sessuale ai danni di una minore di età, in qualsiasi contesto sia commessa è, secondo uno standard socialmente condiviso, una condotta che, per quanto di per sé estranea al rapporto di lavoro, è idonea a ledere il vincolo fiduciario, a prescindere dal contesto in cui la stessa è stata commessa e dal tempo trascorso dal fatto, a maggior ragione ove l’attività lavorativa svolta ponga il lavoratore a diretto contatto con il pubblico”.

Inoltre, per gli Ermellini, i giudici dell’appello non hanno considerato che, per l’art. 54, co. VI, del succitato ccnl di categoria, la sanzione disciplinare del licenziamento senza preavviso trova applicazione nel caso di condanna definitiva “ per condotta commessa non in connessione con lo svolgimento del rapporto di lavoro, quando i fatti costituenti reato possano comunque assumere rilievo ai fini della lesione del rapporto fiduciario”. Pertanto, leggesi sempre nella sentenza in rassegna, “In base a tale disposizione collettiva, richiamata nella lettera di licenziamento, il giudice è tenuto a valutare la gravità del fatto costituente reato per come accertato e valutato in sede penale e con efficacia di giudicato, senza che a tal fine rilevino altri elementi di contorno esterni (quale, ad esempio, il tempo trascorso e l’unicità del fatto)”.

In conclusione, sentenza cassata con rinvio ad altra Corte di appello (Bologna anziché Ancona), affinché proceda a un riesame della fattispecie; valuti, alla luce dei principi esposti dalla Suprema Corte, la legittimità o meno del licenziamento; disponga in merito alla regolazione delle spese del giudizio.

rocco tritto 130x130Rocco Tritto
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Bandiere blu, riconoscimento a “piscine costiere” ma non all’ecosistema marino

L’assegnazione delle Bandiere blu viene riportata, con la gioia dei sindaci che se ne vantano,...
empty alt

Eva Widdowson-Crane, protagonista della Giornata internazionale delle api

Nel mondo esistono oltre 20000 specie di api, molte delle quali a rischio di estinzione. Il 20...
empty alt

“Il caso Goldman” di Cédric Kahn, film politico-giudiziario tratto da una storia vera

Il caso Goldman di Cédric Kahn, con Arieh Worthalter (Pierre Goldman), Arturo Harari (Avvocato...
empty alt

Alle Europee caccia agli scoraggiati per vincere

Il gradimento elettorale dei partiti viene normalmente misurato in termini percentuali, un numero...
empty alt

Garante privacy: il datore di lavoro non può negare al dipendente l’accesso ai propri dati

Il lavoratore ha sempre diritto di accedere ai propri dati conservati dal datore di lavoro, a...
empty alt

Un faccia a faccia sbagliato, che non si farà. Ma il danno è stato fatto

Ho sempre pensato, fin dalla sua vittoria a sorpresa nelle primarie che l'hanno eletta...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top