Giornale on-line fondato nel 2004

Giovedì, 23 Mag 2024

furbetto cartellinoNiente da fare per un dipendente che si è visto confermare anche in Cassazione il licenziamento inflittogli dall’Amministrazione di appartenenza per aver attestato falsamente la presenza in servizio, nel periodo da aprile e maggio 2018, del suo superiore gerarchico, utilizzando il badge del medesimo superiore.

Dopo l’esito negativo del ricorso innanzi al Tribunale di Napoli e del successivo grado di giudizio presso la Corte d’appello, anche i Giudici della Suprema Corte, con sentenza n. 20206/2023, pubblicata ieri, 14 luglio, hanno rigettato il ricorso avverso la decisione della Corte territoriale n. 2746/2022, volto a ottenere la reintegra nel posto di lavoro.

La Corte d’appello aveva ritenuto irrilevante la circostanza, peraltro non provata, che il medesimo superiore fosse esonerato dalla timbratura e, al contempo, non aveva riconosciuto alcun valore probatorio all’ormai desueto documento cartaceo, da tempo sostituito dai tornelli elettronici, per attestare la presenza in ufficio.

I Giudici della Suprema Corte, nel ritenere inammissibili i motivi posti a base del ricorso, hanno ritenuto esente da ogni censura l’operato della Corte d’appello, e hanno, tra l’altro, richiamato il disposto di cui all’art. 55-quater, comma 1-bis del d. lgs. 165/2001, secondo il quale “Costituisce falsa attestazione della presenza in servizio qualunque modalità fraudolenta posta in essere, anche avvalendosi di terzi, per far risultare il dipendente in servizio o trarre in inganno l'amministrazione presso la quale il dipendente presta attività lavorativa circa il rispetto dell'orario di lavoro dello stesso. Della violazione risponde anche chi abbia agevolato con la propria condotta attiva o omissiva la condotta fraudolenta”.

Al rigetto del ricorso, ha fatto seguito la condanna del ricorrente al pagamento delle spese del giudizio di legittimità e al versamento dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato.

Rocco Tritto
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

empty alt

Bandiere blu, riconoscimento a “piscine costiere” ma non all’ecosistema marino

L’assegnazione delle Bandiere blu viene riportata, con la gioia dei sindaci che se ne vantano,...
empty alt

Eva Widdowson-Crane, protagonista della Giornata internazionale delle api

Nel mondo esistono oltre 20000 specie di api, molte delle quali a rischio di estinzione. Il 20...
empty alt

“Il caso Goldman” di Cédric Kahn, film politico-giudiziario tratto da una storia vera

Il caso Goldman di Cédric Kahn, con Arieh Worthalter (Pierre Goldman), Arturo Harari (Avvocato...
empty alt

Alle Europee caccia agli scoraggiati per vincere

Il gradimento elettorale dei partiti viene normalmente misurato in termini percentuali, un numero...
empty alt

Garante privacy: il datore di lavoro non può negare al dipendente l’accesso ai propri dati

Il lavoratore ha sempre diritto di accedere ai propri dati conservati dal datore di lavoro, a...
empty alt

Un faccia a faccia sbagliato, che non si farà. Ma il danno è stato fatto

Ho sempre pensato, fin dalla sua vittoria a sorpresa nelle primarie che l'hanno eletta...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top