25. 01. 2021 Ultimo Aggiornamento 25. 01. 2021

Enzo Boschi geofisico-editorialista che manca tanto al Foglietto

Categoria: Il Foglietto

Boschi foto grandeDomani, 22 dicembre, saranno due anni che il geofisico Enzo Boschi non è più tra noi. La sua inattesa scomparsa ha lasciato un grande vuoto soprattutto tra i suoi cari e tra quanti gli vollero bene, ma lo ha lasciato anche dentro di noi che, oltre a volergli bene, con lui abbiamo condiviso poco più di cinque anni (dal settembre 2013 fino al momento della sua morte), durante i quali ha scritto per il nostro giornale 217 editoriali, tutti raccolti nella rubrica “L’angolo di Boschi”, tuttora presente sul nostro sito web.

Quando, il 3 settembre del 2013, informammo i lettori che il professor Boschi aveva accettato, “dopo nostra rispettosa insistenza, di poter ospitare i suoi editoriali”, in calce al nostro comunicato egli volle aggiungere il seguente messaggio: “Ringrazio Il Foglietto per questa opportunità. Parlerò di cose che conosco: di Geofisica e di coloro che la fanno, principalmente. Ma anche di altro. Esprimerò le mie opinioni, consapevole di poter sbagliare e sempre pronto a ricredermi e a scusarmi. Comincerò con un fatto molto interessante di un anno fa, stranamente ignorato dai grandi mezzi di informazione”.

E da quel momento, Enzo Boschi - nonostante fosse duramente provato, sia nel fisico che nel morale, da una ingiusta condanna a 6 anni di reclusione e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici, inflitta, in primo grado, sia a lui che ad altri sei imputati dal Tribunale penale di L’Aquila, per la tragica vicenda del terremoto che il 6 aprile 2009 aveva colpito il capoluogo abruzzese e numerosi altri comuni della Regione, causando 309 vittime, sentenza successivamente travolta sia in appello (10 novembre 2014) che in Cassazione (21 novembre 2015), per 6 dei 7 imputati – si calò, con straordinario impegno, entusiasmo e rigore, nell’inedito ruolo di editorialista, senza mai mancare (fino al 20 settembre 2018, quando le sue condizioni di salute incominciarono ad aggravarsi) l’appuntamento del giovedì (giorno di uscita del nostro settimanale on line), anzi, spesso, proponendo più articoli per uno stesso numero del Foglietto.

La piena assoluzione da ogni accusa – della quale tutta la redazione del nostro giornale, da prima che Enzo iniziasse la collaborazione con Il Foglietto, è stata tra i pochi in Italia, anche dopo la sentenza di primo grado, ad essere certa che ci sarebbe stata – ridette ancor più entusiasmo al geofisico (titolo da lui preferito, tra i tanti dei quali poteva legittimamente fregiarsi) nella veste di editorialista, ma purtroppo non lo guarì dai danni provocati al suo fisico dalle irragionevoli accuse dalle quali si era dovuto difendere per cinque lunghi anni, danni che indubbiamente, a nostro avviso, sono stati causa o, quantomeno, concausa della sua prematura scomparsa.

I 217 editoriali scritti dal professor Boschi per Il Foglietto rappresentano un “unicum”, un vero e proprio “tesoretto” che appartiene a tutti e che continueremo per sempre a mettere a disposizione di tutti. Mentre lui, il grande geofisico, continuerà ad essere nei nostri cuori e nei nostri indelebili ricordi.

adriana ridottissima 2Adriana Spera
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

rocco ridotto 2Rocco Tritto
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

AGGIORNAMENTO DEL 22 DICEMBRE 2020

Oggi, in occasione del secondo anniversario della scomparsa del professor Enzo Boschi, numerosi colleghi ed amici hanno voluto ricordare sul blog https://terremotiegrandirischi.com/2020/12/22/un-mosaico-per-enzo-boschi-a-cura-di-alcuni-colleghi-e-amici/ la figura dell'indimenticato e indimenticabile presidente dell'INGV.

 


Sei arrivato fin qui...continua a leggere

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più