Giornale on-line fondato nel 2004

Venerdì, 24 Mag 2024

Marissa MayerNell’immaginario comune, l’informatica è considerata un mondo totalmente maschile. Mi sembra importante ricordare i contributi delle protagoniste di questa disciplina affinchè le ragazze non se ne sentano estranee.

Marissa Mayer, originaria del Wisconsin (1975), è una di loro. Ha contribuito alla realizzazione di software molto popolari, utilizzati da milioni di utenti in tutto il mondo.

Si è laureata in Ingegneria dei Sistemi e specializzata in Informatica presso la Stanford University (California), dedicandosi allo studio dei sistemi di intelligenza artificiale.

Dopo avere collaborato presso il laboratorio di ricerca della società di servizi finanziari UBS a Zurigo e l’istituto di ricerca SRI international di Menlo Park (California), nel 1999, a 24 anni, è stata assunta da Google, prima donna in posizione di esperta.

Per l’azienda, ha scritto diversi programmi e coordinato molte attività di ricerca, diventando in breve tempo direttrice di produzione.

Ha contribuito alla nascita del motore di ricerca di Google quindi ha inventato la piattaforma pubblicitaria Ads, che ha permesso agli inserzionisti di promuovere i loro annunci e all’azienda di passare dal ruolo di motore di ricerca a qualcosa di più grande e proficuo.

Si è occupata dello sviluppo delle interfaccia con gli utenti, contribuendo al perfezionamento di servizi, diventati popolarissimi, quali Google Maps, Earth, News, Calendar, Books, Search, Toolbar, iGoogle e Gmail.

Nel 2009, le è stata conferita una laurea honoris causa dall’Illinois Institute of Technology e è stata docente di informatica all’Università di Stanford, ricevendo premi prestigiosi come il “Centennial Teaching”.

Dal 2012 al 2017, è stata amministratrice delegata di Yahoo! dove si è dimessa, dopo anni di successi, per intrusioni hacker non risolte. Nel 2016, era stata accusata, da due ex dirigenti, di utilizzare sistemi finalizzati a penalizzare gli uomini per favorire le donne. Un’accusa sempre negata dall’azienda.

In seguito, ha fondato Sunshine, un’azienda con sede a Palo Alto, focalizzata sull'intelligenza artificiale e sui media di consumo. Il suo primo prodotto, Sunshine Contacts, ha migliorato i contatti degli utenti iPhone e i contatti di Google.

Marissa Meyer ha tre figli e invita le giovani a non fermarsi, dopo difficoltà e insuccessi, ma a perseguire i propri sogni trovando la forza di guardare sempre avanti.

Per approfondire: “Scienziate nel tempo. Più di 100 biografie", Ledizioni, Milano 2023.

Sara Sesti
Matematica, ricercatrice in storia della scienza
Collabora con l'Università delle donne di Milano
facebook.com/scienziateneltempo/

empty alt

Carcinoma anaplastico della tiroide, nuova possibile terapia

Il carcinoma anaplastico della tiroide è uno dei tumori più aggressivi, senza terapia efficace e...
empty alt

Bandiere blu, riconoscimento a “piscine costiere” ma non all’ecosistema marino

L’assegnazione delle Bandiere blu viene riportata, con la gioia dei sindaci che se ne vantano,...
empty alt

“Il caso Goldman” di Cédric Kahn, film politico-giudiziario tratto da una storia vera

Il caso Goldman di Cédric Kahn, con Arieh Worthalter (Pierre Goldman), Arturo Harari (Avvocato...
empty alt

Alle Europee caccia agli scoraggiati per vincere

Il gradimento elettorale dei partiti viene normalmente misurato in termini percentuali, un numero...
empty alt

Un faccia a faccia sbagliato, che non si farà. Ma il danno è stato fatto

Ho sempre pensato, fin dalla sua vittoria a sorpresa nelle primarie che l'hanno eletta...
empty alt

“Mi sei caduta dentro” di Carlotta Elena Manni, quando l’aborto non è sempre una scelta indolore

Mi sei caduta dentro, di Carlotta Elena Manni - Editore Sperling & Kupfer – marzo 2024, pp, 230,...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top