Giornale on-line fondato nel 2004

Domenica, 14 Apr 2024

Redazione

E’ legittimo l’operato dell’amministrazione che subordina l’assunzione dei vincitori di un pubblico concorso  alla sussistenza, al momento dell’adozione del provvedimento di nomina dei medesimi vincitori, dell’assetto organizzativo degli uffici in forza del quale il bando era stato emesso.

A stabilire l’innovativo principio di diritto sono state le Sezioni unite civili della Cassazione che, con la sentenza n. 16728 del 2 ottobre 2012, hanno respinto il ricorso di una candidata siciliana che aveva vinto il concorso da dirigente ma era stata assunta come funzionaria perché, al momento della nomina, l’organico degli uffici previsto dal bando risultava soppresso.

empty alt

Festa della Resistenza a Roma, dal 23 al 25 aprile

Dal 23 al 25 aprile, a Roma sarà ancora Festa della Resistenza. Per il secondo anno consecutivo, nella...
empty alt

Mercato immobiliare sotto stress a causa del caro mutui

Nulla di strano che uno dei capitoli dell’ultimo Outlook dedicato all’economia internazionale il Fondo...
empty alt

“Basta favori ai mercanti d’armi!”, una petizione popolare da sottoscrivere

Il 21 febbraio scorso, il Senato della Repubblica ha approvato un disegno di legge per cancellare...
empty alt

Isabella Lugosky-Karle e il Nobel negato

Il 3 ottobre del 2017, all’età di 95 anni è deceduta Isabella Lugosky-Karle, ricercatrice che...
empty alt

Nuovo censimento delle piante in Italia, in più 46 specie autoctone e 185 aliene

Secondo il nuovo censimento delle piante in Italia, che ha aggiornato i dati del 2018, sono 46 in...
empty alt

Le contraddizioni della storia e della politica

Gli anni '60 noi li ricordiamo giustamente come anni di grandi cambiamenti e di libertà; per tante...

Ti piace l'informazione del Foglietto?

Se ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenendoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto. Anche il costo di un caffè!

SOSTIENICI
Back To Top