15. 12. 2018 Ultimo Aggiornamento 16. 11. 2018

La popolazione italiana invecchia, il reddito pure

Chi parla di guerra generazionale, osservando la grande disparità dei redditi fra vecchi e giovani italiani specie all’indomani della crisi, trascura di sottolineare che nei dieci anni trascorsi dal 2008 non è semplicemente aumentato il reddito equivalente degli ultra65enni. La notizia è che sono aumentati gli ultra65enni.

Leggi Tutto

In Italia si parla di porti solo quando arriva l’uomo nero

Se non fosse per la Spagna, che con un bell’olé ha risolto l’emergenza dell’Aquarius, offrendo ospitalità ai profughi africani, staremmo ancora a discutere dei porti italiani che, mai come oggi, hanno avuto l’onore delle cronache e che adesso, assai repentinamente verranno dimenticati. La qualcosa ha del fenomenale. Siamo l’unica penisola al mondo con una lunga storia di commercio marittimo alle spalle che parla di porti solo quando arriva l’uomo nero. Per il resto…

Leggi Tutto

Sono ancora pochi gli occupati a tempo pieno per tornare ai livelli pre-crisi

Gli ultimi dati sul lavoro hanno inevitabilmente riacceso le polemiche. Chi ha governato negli ultimi cinque anni rivendica di aver riportato l’occupazione ai livelli pre-crisi grazie al Job Act, venendo, però, criticato da chi sostiene che il precariato stia prendendo il sopravvento sulle posizioni lavorative stabili e che il numero di ore lavorate sia ancora in flessione.

Leggi Tutto

Mi sveglio nel paese del governo del cambiamento e mi ritrovo nel Renzi bis

Mi sveglio nel paese del governo del cambiamento e mi ritrovo nel Renzi bis. Per dire, sento l’occhiutissimo ministro dell’interno affermare che il suo predecessore ha fatto un discreto lavoro per cui “non smonteremo nulla di ciò di positivo che è stato realizzato”. La qual cosa mi sembra straordinariamente intelligente, alla faccia del cambiamento.

Leggi Tutto

Soumayla Sacko, il razzismo miete ancora vittime

Senza i ragazzi come lui, i nuovi schiavi. Chissà quanta frutta e verdura non arriverebbe sulle nostre tavole, perché, se è vero che a sud c’è tanta disoccupazione, quanti sarebbero disposti ad andare a lavorare in quelle condizioni e per un salario che raramente raggiunge i tre euro l’ora? Ben che vada, venti trenta euro per quindici ore di lavoro al giorno, qualunque siano le condizioni climatiche. Senza contare quanto si trattengono i caporali.

Leggi Tutto

Sei arrivato fin qui...continua a leggere

banner iscriviti sindacato

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più