04. 12. 2020 Ultimo Aggiornamento 04. 12. 2020

Tumore al seno e obesità: un farmaco riduce il rischio di recidive

Lo studio "Potential benefit of intra-operative administration of ketorolac on breast cancer disease recurrence according to the patient’s body mass index" è stato pubblicato il 30 aprile scorso sulla rivista scientifica Journal of the National Cancer Institute, a firma dei gruppi di ricerca dell'Institut Jules Bordet di Bruxelles e dell’Istituto Nazionale dei Tumori e Università degli Studi di Milano, con un contributo di AIRC, Associazione Italiana Ricerca sul Cancro, e dell’Organizzazione non-profit belga Amis de l’Institut Bordet.

Leggi Tutto

Cellule embrionali: la legge 40 ancora blocca la ricerca

I più, forse, non la ricorderanno, anche se fummo chiamati ad esprimerci su di esse con un referendum abrogativo fallito per mancanza di quorum. È la legge 40/ 2004, contenente “Norme in materia di procreazione medicalmente assistita”, una delle più oscurantiste di sempre, figlia dello stesso governo che produsse provvedimenti come quelli per impedire di staccare la spina a Eluana Englaro o leggi come la Fini-Giovanardi e tagli ai finanziamenti destinati a università e ricerca.

Leggi Tutto

Individuate le basi molecolari della tossicità di una proteina che causa amiloidosi

Uno studio pubblicato su Nature Communications, chiarisce le basi molecolari di una grave e incurabile malattia genetica, individuata nel 2012, causata da amiloidosi. Quest’ultimo è un fenomeno patologico che determina la perdita di struttura in una data proteina, con la formazione di fibre allungate e robuste (fibrille amiloidi), che si depositano nell’organismo con effetti nocivi per gli organi interessati e per la salute, in generale.

Leggi Tutto

Alimenti venduti dopo la scadenza: quando è illecito amministrativo e quando è reato

La Corte di Cassazione – IV Sezione penale – con sentenza n. 16108 del 12 aprile 2018 ha assolto un farmacista dai reati allo stesso ascritti ex artt. c.p. 444 e 452 (Capo A) e 590 (Capo B), per aver posto in commercio, in data 21 settembre 2008, sostanze alimentari nocive (una confezione di latte in polvere per lattanti, scaduta dal 16 luglio 2008); per colpa consistita nell'omesso controllo della validità dei prodotti messi in vendita; così facendo, sempre secondo l'accusa, lo stesso farmacista cagionava lesioni guaribili in otto giorni in danno del neonato, cui era stato somministrato il predetto latte in polvere.

Leggi Tutto

Ti piace quello che leggi?

Se ci leggi e ti piace quello che leggi, puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro sostenedoci con quanto pensi valga l'informazione che hai ricevuto: anche il costo di un caffè! 

 

I cookie ci aiutano a fornirti i nostri servizi. Utilizzando i nostri servizi, accetti le nostre modalità d'uso dei cookie. Per saperne di più